Mercoledì 28 Settembre 2016 - 07:45

Chi è Shimon Peres: veterano politica, Nobel per accordi Oslo

L'ex presidente è morto all'età di 93 anni, le sue condizioni si sono aggravate dopo un ictus

Israele, chi è Shimon Peres: veterano politica, Nobel per accordi Oslo

Veterano della politica israeliana, Shimon Peres, morto all'età di 93 anni, ha preso parte a quasi ogni evento storicamente rilevante avvenuto dalla fondazione dello Stato ebraico nel 1948 a oggi. Con 70 anni di carriera politica alle spalle, oltre a essere stato più volte titolare di diversi ministeri (Esteri, Difesa, Finanze, Trasporti), è stato due volte primo ministro (dal 1984 al 1986 e dal 1995 al 1996) e anche presidente di Israele dal 2007 al 2014.

Il più grande merito che gli viene riconosciuto internazionalmente è di essere stato artefice dell'avvicinamento fra israeliani e palestinesi culminato negli accordi di Oslo del 1993, con i quali ci fu il riconoscimento da parte di Israele dell'Organizzazione per la liberazione della Palestina (Olp) e viceversa. Proprio per avere dato impulso al processo di pace di Oslo quando era ministro degli Esteri, Peres è considerato uno dei politici israeliani di maggiore importanza a livello mondiale, il che gli valse nel 1994 il Nobel per la Pace insieme allo storico leader palestinese Yasser Arafat, e all'allora primo ministro israeliano Isaac Rabin. Quest'ultimo fu assassinato nel 1995 da un ultranazionalista israeliano che si opponeva agli accordi, e fu proprio Peres che prese il suo posto come premier alla sua morte.

Nato nel 1923 in Polonia, il suo nome originale era Shimon Perski. Peres immigrò con i genitori in Palestina da bambino, nel 1934, e nel 1947 si unì al movimento Haganah, organizzazione militare sionista sotto la direzione di David Ben Gurion, che diventò il suo mentore politico. La sua carriera nella vita pubblica cominciò presto, a soli 24 anni, quando dopo l'indipendenza dello Stato d'Israele a maggio del 1948 fu nominato a capo della Marina israeliana. Da qui in poi diversi incarichi legati al ministero della Difesa, fino a diventare ministro della Difesa nel 1974 nell'esecutivo laburista guidato da Rabin. Nel 1977, dopo esserne stato vice segretario-generale, diventa leader del Partito laburista e, in quanto tale, viene sconfitto per due volte da Menachem Begin del Likud nella corsa a primo ministro (nel 1977 e nel 1981).

A febbraio del 1992 perde la leadership del partito laburista, conquistata invece da Rabin. Ma quando alle elezioni generali di giugno i laburisti vincono e Rabin diventa premier, Peres viene chiamato a far parte del governo come ministro degli Esteri, quando appunto si impegnerà per negoziare con i palestinesi.

Nonostante durante gran parte della sua carriera politica non abbia goduto di particolare successo fra la gente, a poco a poco gli israeliani hanno sviluppato nei suoi confronti un profondo affetto, che hanno ampiamente espresso nei circa sei anni in cui è stato presidente. Per questo il Paese ha affrontato il peggioramento delle sue condizioni di salute preparandosi alla perdita di un padre della patria.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ryanair, voli cancellati in tutta Italia

Ryanair, O'Leary offre di più ai piloti per saltare le ferie

L'a.d. della compagnia mette sul piatto altri 10mila euro. Vuole evitare la cancellazione di oltre 2.000 voli. I consumatori chiedono sanzioni

Papa Francesco nell'Udienza Generale del mercoledì

Pedofilia, il Papa ammette: "La Chiesa l'ha affrontata un po' in ritardo"

Francesco ha incontrato anche la Commissione Antimafia italiana parlando di corruzione, e tutela dei testimoni

Le proteste a Barcellona contro la Spagna

Catalogna, la protesta a Palazzo di Giustizia: "Liberate i 14 arrestati"

La protesta sotto il dipartimento di Economia: la gente chiede il rilascio dei 14 arrestati colpevoli di lavorare all'organizzazione del referendum

Londra, attacco metro: sesto arresto, è un ragazzo di 17 anni

Londra, attacco metro: sesto arresto, è un ragazzo di 17 anni

Salgono così a sei gli arresti effettuati in relazione all'attentato del 15 settembre