Domenica 12 Marzo 2017 - 11:45

Isis, Viminale espelle tunisino collegato a killer strage Berlino

L'uomo aveva anche contatti online riconducibili allo Stato islamico

Isis, Viminale espelle tunisino collegato a killer strage di Berlino

Su disposizione del ministro dell'Interno, Marco Minniti, è stato espulso un cittadino tunisino. Si tratta di un 37enne residente a Latina che era stato segnalato nell'ambito delle indagini in seguito all'attentato al mercatino di Natale di Berlino del 19 dicembre, compiuto da Anis Amri. E' stato accertato che l'uomo faceva parte di un gruppo radicale gravitante attorno alla moschea di Latina, opposto all'imam Arafa Rekhia Nesserelbaz di orientamento moderato. A seguito delle indagini svolte, il tunisino è risultato intestatario di un'utenza emersa tra i contatti di Amri, quando quest'ultimo, nel giugno 2015, era stato ospitato nell'abitazione di Yaakoubi Montasser e della sua compagna ad Aprilia (RM). L'utenza intestata al tunisino espulso è risultata, inoltre, associata a un profilo Facebook sul quale sono stati riscontrati elementi che denotano la sua adesione all'ideologia jhadista, nonché la sua appartenenza a un circuito di contatti virtuali con soggetti riconducibili allo Stato islamico. Con questo provvedimento, il 21esimo del 2017, salgono a 153 le persone gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi con accompagnamento alla frontiera dal gennaio 2015 a oggi.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Scuola, ministra Fedeli: "Portare l'obbligo scolastico a 18 anni"

Scuola, ministra Fedeli: "Portare l'obbligo scolastico a 18 anni"

"Si dovrebbe fare una rivisitazione complessiva dei cicli scolastici da un punto di vista della qualità"

Bormio, il comizio di Matteo Salvini

Ius soli, Lega contro Papa: Lo faccia in Vaticano

Il centrodestra, senza entrare nel merito, prende le distanze dalla legge, mentre la Lega è durissima

Paolo Gentiloni al Meeting di Rimini 2017

Terrorismo, Gentiloni: Nessuno salvo, non rinunceremo a libertà

All'indomani delle minacce Isis all'Italia, il premier e il ministro degli Affari Esteri parlano della sicurezza in Italia

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Ius soli, Gentiloni riapre partita: Conquista di civiltà. Salvini: Follia

"Diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri", dice il premier. Durissima la risposa della destra