Domenica 12 Marzo 2017 - 11:45

Isis, Viminale espelle tunisino collegato a killer strage Berlino

L'uomo aveva anche contatti online riconducibili allo Stato islamico

Isis, Viminale espelle tunisino collegato a killer strage di Berlino

Su disposizione del ministro dell'Interno, Marco Minniti, è stato espulso un cittadino tunisino. Si tratta di un 37enne residente a Latina che era stato segnalato nell'ambito delle indagini in seguito all'attentato al mercatino di Natale di Berlino del 19 dicembre, compiuto da Anis Amri. E' stato accertato che l'uomo faceva parte di un gruppo radicale gravitante attorno alla moschea di Latina, opposto all'imam Arafa Rekhia Nesserelbaz di orientamento moderato. A seguito delle indagini svolte, il tunisino è risultato intestatario di un'utenza emersa tra i contatti di Amri, quando quest'ultimo, nel giugno 2015, era stato ospitato nell'abitazione di Yaakoubi Montasser e della sua compagna ad Aprilia (RM). L'utenza intestata al tunisino espulso è risultata, inoltre, associata a un profilo Facebook sul quale sono stati riscontrati elementi che denotano la sua adesione all'ideologia jhadista, nonché la sua appartenenza a un circuito di contatti virtuali con soggetti riconducibili allo Stato islamico. Con questo provvedimento, il 21esimo del 2017, salgono a 153 le persone gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi con accompagnamento alla frontiera dal gennaio 2015 a oggi.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Montecitorio, fiaccolata in memoria di Giulio Regeni a due anni dalla sua morte

Regeni, Salvini vola da Al-Sisi: "Giustizia rapida per Giulio"

Il ministro dell'Interno in Egitto: "Il presidente ha assicurato che sarà fatta chiarezza"

Migranti, altri morti e scontro Open Arms-Salvini. Mattarella invoca 'accoglienza'

Una imbarcazione è affondata al largo del nord di Cipro e il bilancio è di almeno 19 morti. Un'altra nave con migranti a bordo bloccata di fronte alla Tunisia

Commissione Vigilanza Rai. Eletto il Presidente Alberto Barachini

Rai, Alberto Barachini: chi è il nuovo presidente della vigilanza

Giornalista, dal 1999 è cresciuto nella squadra Mediaset. Alle ultime elezioni politiche, Silvio Berlusconi lo ha voluto nella squadra dei candidati azzurri

Giustizia, il ministro Bonafede al Csm

Legittima difesa, Bonafede: "No alla liberalizzazione delle armi". M5S frena

Salvini precisa: "No pistole vendute in tabaccheria. Niente modello americano". Il premier Conte: "No alla giustizia privata"