Domenica 05 Febbraio 2017 - 23:45

Isis uccide 6 persone vicino a Palmira, aiuti in provincia Homs

Tra le vittime ci sono due professori, un funzionario e un soldato del regime siriano

Isis uccide 6 persone vicino a Palmira, aiuti in provincia Homs

Almeno sei persone sono state uccise dai jihadisti dello Stato islamico vicino a Palmira, nella provincia siriana di Homs, mentre un convoglio di aiuti umanitari è entrato a Talbisa, nella stessa provincia. Lo ha fatto sapere l'Osservatorio siriano dei diritti umani. Tra le sei vittime ci sono due professori, un funzionario e un soldato del regime siriano, assassinati perché ritenuti colpevoli di "aver trattato con il regime ed essere spie".

L'organizzazione ha ancora confermato che camion di aiuti umanitari sono entrati attraverso la zona di Ter Maala per dirigersi alle porte settentrionali della provincia di Homs, ore dopo che intensi bombardamenti del regime e di aerei non identificati hanno bersagliato l'area. Secondo la fonte hanno lanciato missili su diversi villaggi, causando la morte di almeno due persone e il ferimento di altre.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Usa, Trump all'Iran: "Non minacciateci mai più, fate attenzione"

Il presidente americano su Twitter contro Rouhani che aveva avvertito gli Usa assicurando che un conflitto con Teheran sarebbe "la madre di tutte le guerre"

Paura a Toronto, sparatoria in strada: due morti e 13 feriti

Un uomo armato, freddato poi dalla polizia, ha aperto il fuoco nel quartiere greco uccidendo una donna. Tra i coinvolti anche un bambino

Russiagate, Trump al contrattacco: "Fbi spiava la mia campagna"

Per il presidente il Bureau teneva sotto controllo un suo consulente per avvantaggiare Hillary Clinton

La Proactiva Open Arms in azione al largo della Libia

Migranti, appello del Papa: "Basta tragedie". Open Arms non denuncia Italia

Per l'ong la guardia costiera libica è colpevole di omissione di soccorso e omicidio colposo in relazione alla morte di due migranti. Tripoli nega: "Solo calunnie"