Sabato 30 Gennaio 2016 - 09:45

Isis, Pentagono: Apprezziamo sforzi, ma Italia può fare di più

In una lettera inviata al ministro Pinotti, Aston Carter esorta il governo ad aiutare maggiormente la coalizione

Guerra all'Isis in Iraq

"Apprezziamo profondamente l'impegno dell'Italia nella lotta allo Stato Islamico tuttavia c'è ancora molto lavoro da fare". Lo ha scritto il capo del Pentagono, Ashton Carter, in una lettera indirizzata alla ministra italiana della Difesa, Roberta Pinotti, secondo quanto riporta il New York Times, citando il sito Wikilao. La lettera è datata primo dicembre quando Carter scrisse a diversi partner di coalizione esortandoli a fare di più nella lotta contro l'Isis.

Carter nella lettera, ha ribadito il ruolo dell'Italia nella formazione delle forze irachene, impiegate nel prendere il controllo delle città riconquistate dallo Stato Islamico, ma ha invitato il governo ad aiutare maggiormente la coalizione inviando altri istruttori e personale per aiutare le operazioni in termini di sorveglianza, intelligence e ricognizione. Secondo il New York Times, la coalizione avrebbe bisogno di aiuto anche con squadre di soccorso e sostegno militare.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Siria, gli Usa vicini a sospendere la collaborazione con la Russia

Siria, gli Stati Uniti vicini a sospendere la collaborazione con la Russia

Tensione ai massimi livelli dopo gli attacchi su Aleppo da parte dell'esercito di Damasco, sostenuto da Mosca

Treno deraglia in stazione in New Jersey: un morto e 100 feriti

Treno deraglia in stazione in New Jersey: un morto e 100 feriti

Schianto davanti a Manhattan, crollato parte del tetto che copre i binari ferroviari

Londra, aumento prezzi e crisi alloggi: ancora bufera su Airbnb

Londra, aumento prezzi e crisi alloggi: ancora bufera su Airbnb

L'azienda respinge le accuse: "Rincaro non dipende da noi"

Aleppo, situazione sempre più disperata

Allarme dell'Unicef: Uccisi 96 bambini ad Aleppo Orientale

Il sistema sanitario nella città siriana è al collasso