Sabato 30 Gennaio 2016 - 09:45

Isis, Pentagono: Apprezziamo sforzi, ma Italia può fare di più

In una lettera inviata al ministro Pinotti, Aston Carter esorta il governo ad aiutare maggiormente la coalizione

Guerra all'Isis in Iraq

"Apprezziamo profondamente l'impegno dell'Italia nella lotta allo Stato Islamico tuttavia c'è ancora molto lavoro da fare". Lo ha scritto il capo del Pentagono, Ashton Carter, in una lettera indirizzata alla ministra italiana della Difesa, Roberta Pinotti, secondo quanto riporta il New York Times, citando il sito Wikilao. La lettera è datata primo dicembre quando Carter scrisse a diversi partner di coalizione esortandoli a fare di più nella lotta contro l'Isis.

Carter nella lettera, ha ribadito il ruolo dell'Italia nella formazione delle forze irachene, impiegate nel prendere il controllo delle città riconquistate dallo Stato Islamico, ma ha invitato il governo ad aiutare maggiormente la coalizione inviando altri istruttori e personale per aiutare le operazioni in termini di sorveglianza, intelligence e ricognizione. Secondo il New York Times, la coalizione avrebbe bisogno di aiuto anche con squadre di soccorso e sostegno militare.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Cina, Xi: "Pronti a diventare un grande Paese socialista moderno"

Cina, Xi: "Pronti a diventare un grande Paese socialista moderno"

E sull'economia annuncia: "Puntiamo ad avere tassi d'interesse e i tassi di cambio più basati sul mercato"

Alfano con il Presidente dell'Alto Consiglio di Stato libico Abdulrahmann Swehli

Nigeria, liberato don Pallù. Alfano: "Sta bene"

Il sacerdote romano della diocesi di Roma era da tre anni in missione nel Paese africano

Il direttore di Amazon Studios si dimette per accuse di molestie sessuali

Avrebbe inoltre ignorato le denunce di un'attrice su abusi sessuali che avrebbe subito da Weinstein

Bloccato l'ultimo 'travel ban'. L'ira della Casa Bianca: "Grave errore"

Bloccato l'ultimo 'travel ban'. L'ira della Casa Bianca: "Grave errore"

Le restrizioni contenute nel bando riguardano i cittadini di Iran, Libia, Siria, Yemen, Somalia, Ciad e Corea del Nord