Sabato 27 Agosto 2016 - 10:15

Isis, orrore senza fine: bambini sparano a prigionieri

Il filmato mostra l'esecuzione di 10 persone, cinque per mano dei bimbi

Isis, orrore senza fine: in un video bambini sparano a prigionieri

Lo Stato islamico ha diffuso un nuovo video propagandistico in cui mostra l'esecuzione di 10 persone, cinque delle quali vengono uccise da altrettanti bambini, uno dei quali probabilmente britannico. Nel filmato, che dura nove minuti e la cui autenticità non è stata verificata, i bambini sparano alla testa a cinque presunti curdi ai quali, secondo quanto dice uno dei bimbi, è stata applicata la legge islamica. I cinque bambini vengono identificati come: Abu Ishaq egiziano; Abu Abdala britannico, Abu al Bara tunisino, Abu Fuad curdo e Yusef uzbeko. Nella registrazione, le altre cinque vittime vengono assassinate da cinque uomini armati incappucciati. Inoltre nelle immagini il gruppo minaccia i Paesi della coalizione anti Isis guidata dagli Stati Uniti.

GUARDA ANCHE Kamikaze di 12 anni fermato in Iraq

 

(Foto di repertorio)

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Il sindaco di Manchester attacca gli Usa: Arroganti e irrispettosi

Il sindaco di Manchester attacca gli Usa: Arroganti e irrispettosi

Continua lo scontro tra Stati Uniti e Gran Bretagna dopo la fuga di notizie riguardanti le indagini sull'attentato

Obama: Fiero della mia riforma sanitaria, ora è a rischio

Obama: Fiero della mia riforma sanitaria, ora è a rischio

Riferimenti ai tentativi di smantellarla, senza citare Trump

Tusk: Con Trump non c'è una visione comune sulla Russia

Tusk: Con Trump non c'è una visione comune sulla Russia

"Ma sul conflitto in Ucraina siamo sulla stessa linea"

Manchester, artificieri in azione in college a Trafford. Gelo Uk-Usa sulle informazioni

Manchester, arresto a Hulme. May a Usa: Informazioni devono rimanere confidenziali

Stop dalla polizia allo scambio di dossier con l'America dopo le fughe di notizie. La Regina fa visita ai feriti in ospedale