Lunedì 24 Ottobre 2016 - 07:15

Isis, Onu lancia l'allarme: Sinora a Mosul 5mila sfollati

Per ora il numero è "moderato" e "gestibile" ma la "situazione è molto incerta"

Isis, Onu lancia l'allarme: Sinora a Mosul 5mila sfollati, prepararsi al peggio

Nella prima settimana di offensiva contro lo Stato islamico a Mosul, sono state 5.070 le persone che hanno abbandonato le loro case nella provincia di Ninive. Lo afferma l'ufficio delle Nazioni unite per il coordinamento degli affari umanitari (Ocha), il cui portavoce Karim Elkorany parla di un numero "moderato" e "gestibile". La maggioranza di queste persone, ha detto, ha cercato rifugio nei villaggi vicini alla città di Qayyara, a 55 chilometri da Mosul, mentre una parte si è indirizzata nei campi per sfollati a Dabaqa, a sudest di Mosul, e Zelikan, a est della città.

La "situazione è incerta", ha però aggiunto il portavoce, e bisogna prepararsi al peggio. Inoltre, a causa dei cambiamenti continui negli scontri ci sono persone che fuggono e poi tornano nelle proprie case, una volta tornata la calma. Secondo l'Ocha, saranno 200mila gli iracheni che nelle prossime settimane fuggiranno, ma nel peggiore dei casi il loro numero potrà salire a un milione. In un comunicato, l'ufficio Onu spiega di aver accesso "limitato" alle zone riprese dalle forze irachene e curde peshmerga, così come alle persone che sono state coinvolte nel conflitto.

I campi profughi esistenti e in costruzione potranno ospitare sino a 418mila persone, precisa l'Ocha. Inoltre 70mila abitanti di Mosul e dei suoi intorni, secondo le previsioni, avranno bisogno di rifugi di emergenza, mentre negli scontri saranno coinvolti in totale tra 1.200mila e 1.500mila persone.

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Barcellona, il racconto di un italiano: "È stato terribile"

Alessio Stazi, un ragazzo italiano, era sulle Ramblas durante l'attentato e racconta su Facebook la paura e la rabbia

Roma, la photocall del film 'Tutte Lo Vogliono'

Attentato a Barcellona, il cordoglio delle celebrità. Incontrada: "Terrore nel mio cuore"

Non solo Vanessa Incontrada. Da Jennifer Lopez a Fedez, gli artisti inviano amore e preghiere alle vittime e le loro famiglie

Segretario della Lega Nord Matteo Salvini partecipa al presidio per la chiusura della moschea di via Cavalcanti

Attentato a Barcellona, le reazioni della politica italiana. Salvini: "Niente pietà per questi vermi"

Il pensiero dei politici italiani a Barcellona, dopo l'attentato sulle Ramblas