Martedì 06 Settembre 2016 - 11:15

Isis: Non fermeremo jihad fino a quando non saremo a Roma

Nella rivista Rumiyah nuove minacce all'Occidente: Attaccate Australia

Isis: Non fermeremo jihad fino a quando non saremo a Roma

Lo Stato islamico torna a minacciare l'Occidente dalla nuova rivista jihadista Rumiyah, pubblicata in varie lingue (inglese, francese,tedesco, turco, russo, indonesiano e pashtun). Nel suo primo numero, di 38 pagine, Rumiyah, che significa Roma, porta in copertina l'immagine di un terrorista con una cintura esplosiva; e sotto la scritta: "Non fermeremo la nostra jihad fino a quando non saremo sotto gli olivi di Roma".

All'interno si prende poi di mira l'Australia: in un articolo si parte dal raccontare la biografia di un militante, identificato come Abu Mansur el Migrante, di origine libanese ma residente in Australia, morto nella città siriana di Manbech, mentre combatteva accanto agli estremisti, per poi lanciare un appello a "quelli che vivono in Australia" perché compiano attentati nel Paese.

LEGGI ANCHE Isis, orrore senza fine: bambini sparano a prigionieri

"Ammazzate nelle strade di Brunswick, Broadmeadows, Bankstown e Bondi", esorta l'Isis, suggerendo attacchi all'arma bianca, con arma da fuoco, con le auto o avvelenamenti.

Rumiyah contiene anche un necrologio per quello che è stato il portavoce jihadista, Abu Mohamed al Adnani, ucciso a fine agosto in Siria. Nell'articolo, i militanti sostengono che la morte di al Adnani "non danneggerà l'Islam né i nostri fratelli".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Regno Unito, uomo armato prende ostaggi a Nuneaton

Si tratterebbe di un ex dipendente della sala da bowling. Per la polizia non è terrorismo

Elezioni Giappone, Shinzo Abe verso la riconferma

Giappone, Abe vince elezioni anticipate nel giorno del tifone Lan

Maggioranza assoluta alla coalizione del governo secondo gli exit poll

Catalogna, Puigdemont: "Il peggior attacco dalla dittatura di Franco"

Dura la reazione del governatore dopo il commissariamento della regione

Repubblica Ceca verso destra: vince Babis, il 'Trump di Praga'

Repubblica Ceca verso destra: vince Babis, il 'Trump di Praga'

Avanza il partito xenofobo Spd che vuole uscire dall'Ue, crollano i socialdemocratici del Cssd