Martedì 06 Settembre 2016 - 11:15

Isis: Non fermeremo jihad fino a quando non saremo a Roma

Nella rivista Rumiyah nuove minacce all'Occidente: Attaccate Australia

Isis: Non fermeremo jihad fino a quando non saremo a Roma

Lo Stato islamico torna a minacciare l'Occidente dalla nuova rivista jihadista Rumiyah, pubblicata in varie lingue (inglese, francese,tedesco, turco, russo, indonesiano e pashtun). Nel suo primo numero, di 38 pagine, Rumiyah, che significa Roma, porta in copertina l'immagine di un terrorista con una cintura esplosiva; e sotto la scritta: "Non fermeremo la nostra jihad fino a quando non saremo sotto gli olivi di Roma".

All'interno si prende poi di mira l'Australia: in un articolo si parte dal raccontare la biografia di un militante, identificato come Abu Mansur el Migrante, di origine libanese ma residente in Australia, morto nella città siriana di Manbech, mentre combatteva accanto agli estremisti, per poi lanciare un appello a "quelli che vivono in Australia" perché compiano attentati nel Paese.

LEGGI ANCHE Isis, orrore senza fine: bambini sparano a prigionieri

"Ammazzate nelle strade di Brunswick, Broadmeadows, Bankstown e Bondi", esorta l'Isis, suggerendo attacchi all'arma bianca, con arma da fuoco, con le auto o avvelenamenti.

Rumiyah contiene anche un necrologio per quello che è stato il portavoce jihadista, Abu Mohamed al Adnani, ucciso a fine agosto in Siria. Nell'articolo, i militanti sostengono che la morte di al Adnani "non danneggerà l'Islam né i nostri fratelli".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Manchester, morti due polacchi che risultavano dispersi

Manchester, morti due polacchi che risultavano dispersi

Lo ha reso noto il ministro degli esteri della Polonia Witold Waszczykowski

Manchester, governo alza livello allerta: timore altri attacchi. Attentatore è 23enne Salman Abedi, 22 i morti

Manchester, il governo alza allerta. Killer tornato da Libia

Lo Stato islamico rivendica. La cantante Ariana Grande sospende il tour / FOTO-VIDEO

Manchester, strage al concerto di Ariana Grande: 22 morti. Attentatore è 23enne Salman Abedi, britannico di origini libiche

Manchester, strage al concerto di Ariana Grande: 22 morti. Attentatore è 23enne Salman Abedi, britannico di origini libiche FOTO/VIDEO

Rivendicazione dello Stato Islamico. Kamikaze figlio di rifugiati fuggiti da Gheddafi. May alza livello di allerta: Rischio imminente. E la cantante sospende il tour /FOTO-VIDEO

Venezuela, confermata quinta vittima negli scontri a Barinas

Venezuela, confermata quinta vittima negli scontri a Barinas

Le proteste di ieri a Barinas, Stato del defunto presidente venezuelano Hugo Chavez, sono diventate violente e hanno avuto come conseguenza cinque persone morte, otto feriti e diversi negozi saccheggiati.