Venerdì 26 Febbraio 2016 - 07:00

Isis minaccia fondatori Facebook e Twitter: Vi crivelleremo

Mark Zuckerberg e Jack Dorsey considerati colpevoli di aver fatto chiudere account sospetti

Isis minaccia fondatori Facebook e Twitter: Vi crivelleremo

Lo Stato islamico prende di mira i fondatori di Facebook e Twitter. In un video di 25 minuti, secondo quanto riporta l'emittente Cnbc, l'Isis minaccia di 'crivellare di colpi' direttamente Mark Zuckerberg e Jack Dorsey, colpevoli di aver cercato di contrastare l'Isis online chiudendo gli account sospetti. "A Marc e Jack, fondatori di Twitter e Facebook, e al loro governo crociato. Annunciate quotidianamente di aver sospeso molti account. A voi diciamo: è questo tutto quello che potete fare. Non siete al nostro livello", recita uno dei messaggi riportati nel video dal titolo 'Flames of the Supporters'.

A pubblicare il filmato un gruppo di hacker affiliato all'Isis che si fa chiamare 'Figli dell'esecito del Califfato' e che rivendica di aver hackerato più di 10mila account Facebook, oltre 150 gruppi Facebook e oltre 5mila account Twitter. "Molti di questi account sono stati distribuiti ai sostenitori e, se Allah lo consente, anche gli altri saranno distribuiti", affermano i militanti, che avvertono:  "Presto i vostri nomi spariranno dopo che avremo cancellato i vostri siti e, Allah volendo, saprete che quello che stiamo dicendo è la verità".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Londra, arrestato 30enne a Birmingham: preparava attentati

Londra, arrestato 30enne a Birmingham: preparava attentati

In un nota la polizia ha fatto sapere di aver arrestato 12 persone da mercoledì ma nove sono state rilasciate

Germania, exit poll in Saarland premiano Cdu: in testa col 41%

Germania, exit poll in Saarland premiano Cdu: in testa col 41%

Il partito della cancelliera tedesca Angela Merkel ha rafforzato la sua posizione nelle elezioni regionali

Volantino anti-Erdogan a Berna: Ankara richiama ambasciatore

Volantino anti-Erdogan a Berna: Ankara richiama ambasciatore

Dissenso per la manifestazione avvenuta ieri a Berna contro il presidente turco

Mosca, la polizia ferma il leader dell'opposizione Navalny

Mosca, polizia ferma il leader dell'opposizione Aleksey Navalny

Bloccato, insieme ad altri 500, mentre partecipava a una manifestazione contro la corruzione