Venerdì 26 Febbraio 2016 - 08:45

Isis, fermato cittadino macedone a Venezia: reclutava mujaheddin

Gli affiliati venivano presentati a un imam bosniaco per l'arruolamento

Isis, fermato cittadino macedone a Venezia: reclutava mujaheddin

I carabinieri del Ros hanno fermato a Mestre un cittadino macedone indagato per arruolamento con finalità di terrorismo anche internazionale. Dalle indagine è emerso che l'uomo selezionasse e reclutasse in Italia aspiranti mujaheddin da presentare a un imam bosniaco per le attività di radicalizzazione, arruolamento nell'Isis e instradamento verso i teatri di guerra mediorientali. L'attività investigativa ha documentato anche la partenza dall'Italia, verso la Siria, di tre cittadini macedoni e bosniaci, due dei quali deceduti combattendo nelle fila dell'Isis tra il 2013 e il 2014 e il terzo tuttora impegnato nei combattimenti. In tale contesto il ministro dell'Interno ha emesso decreti di espulsione per motivi di prevenzione del terrorismo nei confronti di due cittadini macedoni e un cittadino marocchino.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Convegno di Forza Italia Primavera Italiana

Processo Mose, quattro anni a Matteoli. Assolto ex sindaco Orsoni

Ex ministro condannato per corruzione. Pene abbastanza pesanti anche per diversi funzionari e imprenditori coinvolti nella vicenda

Vaccini, moratoria Veneto: fino al 2019 per presentare documenti

Vaccini, moratoria Veneto: per i documenti c'è tempo fino al 2019

Posticipata la scadenza per consegnare le carte per i bimbi da zero a sei anni ed evitare la decadenza dell'iscrizione agli asili nido e infanzia

Liam Gallagher solo tour

Treviso, salta il concerto di Liam Gallagher: l'ira dei fan

L'esibizione dell'ex Oasis cancellata per maltempo, ma l'annuncio arriva mentre tutti sono in viaggio: "Chi rimborserà spostamenti e alberghi?"

Veneto, un morto e 2 feriti in un incidente stradale sulla A4

I feriti sono stati presi in cura dai sanitari del suem 118 e portati in ospedale. Niente da fare nonostante i soccorsi per il conducente di un altro mezzo