Mercoledì 07 Settembre 2016 - 11:00

Isis, Erdogan: Obama pronto ad azione congiunta a Raqqa

"Dal nostro punto di vista - afferma il presidente turco - non sarebbe un problema"

Isis, Erdogan: Obama pronto ad azione congiunta a Raqqa

Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, avrebbe lanciato l'idea di un'azione congiunta Turchia-Usa per riprendere la città siriana di Raqqa, ancora in mano allo Stato islamico. Lo ha annunciato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, il quale ha spiegato che Ankara è disposta ad appoggiare il progetto. "Obama vuole fare 'alcune cose' insieme, in particolare a Raqqa", ha detto Erdogan al quotidiano Hurriyet.

"Dal nostro punto di vista - ha aggiunto Erdogan - non sarebbe un problema. Abbiamo detto 'Lasciamo che i nostri militari si incontrino e sarà fatto tutto il necessario'". In ogni caso, ha puntualizzato il presidente turco, il coinvolgimento di Ankara dovrà essere definito da "ulteriori colloqui".

Fonte Reuters-Traduzione LaPresse

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

FILE PHOTO: Newly inaugurated U.S. President Donald Trump salutes as he presides over a military parade during Trump's swearing ceremony in Washington

Usa, Trump vieta l'esercito ai trans: Militari devono vincere

Il presidente americano scatena le polemiche per la sua decisione: "L'esercito non può sostenere il tremendo costo medico e il disagio che i trangender nell'esercito comportebbero"

Nord Corea: Pronti ad attacco nucleare al cuore degli Usa

Nord Corea: Pronti ad attacco nucleare al cuore degli Usa

La minaccia arriva in risposta ai commenti del direttore della Cia, Mike Pompeo, secondo il quale l'amministrazione Trump dovrebbe trovare un modo per separare Kim dal suo arsenale

Sarraj incontra Gentiloni e chiede navi italiane in acque libiche

Stretta di mano tra il primo ministro italiano e il capo del governo di unità nazionale libica

Migranti, Corte Ue: Anche in emergenza spetta a Paese d'arrivo esame richieste d'asilo

Emergenza migranti, Corte Ue: Asilo spetta a Paese d'arrivo

Nessuna deroga al regolamento di Dublino. Avvocatura europea: "Respingere ricorsi di Slovacchia e Ungheria su relocation"