Giovedì 16 Novembre 2017 - 15:45

Isis, cinque indagati a Torino ma gli arresti non sono eseguibili

Lo stop per questioni procedurali

La Procura di Torino ha chiesto l'arresto per 5 cittadini tunisini, indagati per terrorismo perché sospettati di essere collegati all'Isis, ma la misura non può essere subito eseguita, in attesa di ricorso. Il pm torinese Andrea Padalino aveva avanzato la richiesta di custodia cautelare in carcere per i cinque, ma il gip a giugno l'aveva respinta, decisione ribaltata ai primi di novembre dal Tribunale del riesame, al quale la Procura ha fatto ricorso.

I cinque hanno dieci giorni per fare a loro volta ricorso in Cassazione e i termini per presentarlo scadono a breve, dopo di che toccherà alla Suprema corte decidere sulla misura cautelare. Tre dei tunisini sono comunque già agli arresti domiciliari per droga, mentre due sono in stato di libertà.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Daisy Osakue, campionessa azzurra di origine nigeriana aggredita

Aggressione Osakue, cure al cortisone: l'atleta rischia di saltare gli Europei

La giovane campionessa nel lancio del disco, colpita a un occhio da un uovo, forse dovrà dire addio a Berlino per le norme antidoping

Daisy Osakue, campionessa azzurra di origine nigeriana aggredita

Aggressione a Osakue, la Procura di Torino indaga per lesioni senza aggravante razziale

L'atleta azzurra, di origini nigeriane, colpita al volto da un uovo lanciato da un'auto in corsa. Non si esclude nessuna ipotesi dato che si sono verificati altri casi simili e le vittime non erano di colore

Champions League, panico a Torino in piazza San Carlo: tifosi della Juve in fuga

Torino, spray in piazza San Carlo: arrestato quinto componente della banda

Nel 2017 durante la proiezione della finale di Champions tra Juve e Real Madrid, scatenarono il panico causando la morte di una donna e il ferimento di oltre 1500 persone

Conferenza stampa AC Milan - Ritiro estivo per la stagione 2018/2019

Torino, 43 indagati per riciclaggio: tra loro c'è anche Gattuso

Al centro dell'indagine una società specializzata nell'allevamento di suini di cui l'allenatore del Milan era socio di minoranza