Giovedì 16 Novembre 2017 - 15:45

Isis, cinque indagati a Torino ma gli arresti non sono eseguibili

Lo stop per questioni procedurali

La Procura di Torino ha chiesto l'arresto per 5 cittadini tunisini, indagati per terrorismo perché sospettati di essere collegati all'Isis, ma la misura non può essere subito eseguita, in attesa di ricorso. Il pm torinese Andrea Padalino aveva avanzato la richiesta di custodia cautelare in carcere per i cinque, ma il gip a giugno l'aveva respinta, decisione ribaltata ai primi di novembre dal Tribunale del riesame, al quale la Procura ha fatto ricorso.

I cinque hanno dieci giorni per fare a loro volta ricorso in Cassazione e i termini per presentarlo scadono a breve, dopo di che toccherà alla Suprema corte decidere sulla misura cautelare. Tre dei tunisini sono comunque già agli arresti domiciliari per droga, mentre due sono in stato di libertà.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Torino, trascinata per metri da auto pirata: morta donna anziana

L'investitore è fuggito senza fermarsi a prestare soccorso

Walter Veltroni morso da un cane alla Festa dell'Unità: primo soccorso in ambulanza

Monacalieri, 7 medici indagati per una donna morta di parto

Il provvedimento della Procura di Torino. I fatti si riferiscono all'aprile dell'anno scorso. Anche la figlioletta nacque morta

Embraco conferma 500 licenziamenti. Calenda: "Atto irresponsabile"

L'azienda del gruppo Whirlpool pronta a mandare a casa i lavoratori dello stabilimento di Riva di Chieri, nel torinese

Milano, deraglia treno tra Pioltello e Segrate

Treno deragliato a Milano, figlio di ferito: "Nessuno sapeva dirci se fosse vivo"

Il racconto: "È mancata la comunicazione ai familiari. Anche io sarei dovuto essere su quel convoglio"