Sabato 24 Dicembre 2016 - 12:00

Isabella Ragonese: Non credo nelle parole, meglio i gesti

L'attrice è accanto a Giallini nella serie di successo 'Rocco Schiavone'

Isabella Ragonese: Non credo nelle parole, meglio i gesti e qualche segreto

“Non credo nelle parole. È troppo facile sbagliare un’intonazione, scegliere una parola inadatta. Abbracci e sguardi sono più immediati e sicuri, se vuoi trasmettere il concetto 'io ci sono'”. Isabella Ragonese si confessa con La Stampa dopo il successo con la serie tv 'Rocco Schiavone', ispirato ai noir di Antonio Manzini. “E poi cos’è questo dirsi tutto? Qualche mistero, un luogo personale e nascosto è bene che ci sia”, racconta l'attrice, che nella serie trasmessa da Rai 2 interpreta Marina, la moglie morta del protagonista, interpretato da un bravissimo Marco Giallini. “È un bellissimo personaggio, poetico, e mi riempie di gioia averlo fatto, capovolge gli stereotipi ricorrenti su come deve essere la memoria di una moglie morta”, spiega Isabella Ragonese, che elogia il programma: “Da questa serie arriva un segnale importante: il pubblico è pronto a progetti innovativi e anticonvenzionali. È la serie che da spettatrice vedrei volentieri”.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Con DIPIÙ arriva la radio dell'estate

In edicola con il settimanale, completa di pile eco-friendly e di cuffiette auricolari

'Gardenia' festeggia 400 uscite con un numero da collezione

'Gardenia' festeggia 400 uscite con un numero da collezione

Edizione speciale del mensile di Cairo Editore per gli amanti di fiori, piante e giardini

Il mondo della tv piange Paolo Limiti: il conduttore aveva 77 anni

Addio a Paolo Limiti: il conduttore tv aveva 77 anni

A darne l'annuncio è stato su Twitter Nicola Carraro, produttore cinematografico e marito di Mara Venier

Grande successo per Leggo F perché…: oltre 600 mail in redazione

Grande successo per Leggo F perché: oltre 600 mail in redazione

Per tutta l'estate il settimanale continuerà a dar voce alle proprie lettrici pubblicando le lettere più interessanti