Sabato 24 Dicembre 2016 - 12:00

Isabella Ragonese: Non credo nelle parole, meglio i gesti

L'attrice è accanto a Giallini nella serie di successo 'Rocco Schiavone'

Isabella Ragonese: Non credo nelle parole, meglio i gesti e qualche segreto

“Non credo nelle parole. È troppo facile sbagliare un’intonazione, scegliere una parola inadatta. Abbracci e sguardi sono più immediati e sicuri, se vuoi trasmettere il concetto 'io ci sono'”. Isabella Ragonese si confessa con La Stampa dopo il successo con la serie tv 'Rocco Schiavone', ispirato ai noir di Antonio Manzini. “E poi cos’è questo dirsi tutto? Qualche mistero, un luogo personale e nascosto è bene che ci sia”, racconta l'attrice, che nella serie trasmessa da Rai 2 interpreta Marina, la moglie morta del protagonista, interpretato da un bravissimo Marco Giallini. “È un bellissimo personaggio, poetico, e mi riempie di gioia averlo fatto, capovolge gli stereotipi ricorrenti su come deve essere la memoria di una moglie morta”, spiega Isabella Ragonese, che elogia il programma: “Da questa serie arriva un segnale importante: il pubblico è pronto a progetti innovativi e anticonvenzionali. È la serie che da spettatrice vedrei volentieri”.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Vogue Party a Parigi

Molestie, modelli accusano il fotografo Testino. Vogue: "Stop collaborazioni"

Dopo il caso Weinstein, lo scandolo coinvole ora il mondo della moda. Nel mirino anche il collega Bruce Weber

Milano, ultimi preparativi per la Prima della Scala

Scala, oggi la prima con il ritorno dell'Andrea Chénier e Anna Netrebko

La protagonista è Anna Netrebko, considerata da molti una nuova Callas

Attesa a Napoli per la pizza patrimonio immateriale dell'Unesco

Unesco, l'arte della pizza diventa patrimonio dell'umanità

Un riconoscimento a lungo atteso, che premia i pizzaiuoli, il loro lavoro, la loro identità

Miss Mondo 2017 è l'indiana Manushi Chhillar, studentessa di medicina

Il suo sogno è quello di aprire una catena di ospedali per le aree più povere del suo paese