Domenica 12 Novembre 2017 - 09:30

Iraq, fosse comuni con 400 corpi vicino ad Hawija in ex zona occupata da Isis

Alcune vittime indossano abiti civili, altre la tuta usata per i condannati a morte

Shi'ite Popular Mobilization Forces fire a rocket towards Islamic State militants in Al-Al-Fateha military airport south of Hawija

Fosse comuni con almeno 400 corpi sono state trovate vicino ad Hawija, in Iraq, città fino al mese scorso occupata dallo Stato islamico. Lo scrive la Bbc sul suo sito.

Secondo quanto riferisce il governatore della provincia Kirkuk, Rakan Said, i corpi sono stati trovati in un'aerea appena fuori dalla città. Alcune vittime indossano abiti civili, altre la tuta che l'Is usa per i condannati a morte. Said riporta anche che quella stessa base "era stata trasformata in un terreno di esecuzione".

Il generale Mortada al-Luwaibi sottolinea inoltre che l'esercito iracheno trova le tombe su indicazione degli abitanti locali. Sono decine le fosse comuni scoperte dalle forze irachene nelle ex aree occupate dall'Is.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Isabell e Preble: morire insieme dopo 71 anni di matrimonio

Una storia americana: si sposarono nel 1946, hanno vissuto sempre vicini e se ne sono andati a poche ore di distanza l'uno dall'altra

The Argentine military submarine ARA San Juan and crew are seen leaving the port of Buenos Aires

Argentina, rilevata un'esplosione nel luogo della scomparsa del sottomarino

Un "rumore" era stato registrato circa tre ore dopo l'ultima comunicazione avuta con il mezzo disperso dal 15 novembre

Ratko Mladic

Chi è Ratko Mladic: 'macellaio' di Srebrenica e assedio Sarajevo

L'ex generale è stato condannato per genocidio e crimini contro l'umanità

Victims and their family members watch a television broadcast of the court proceedings of former Bosnian Serb general Ratko Mladic in the Memorial centre Potocari near Srebrenica

Srebrenica: Mladic condannato all'ergastolo, ma farà ricorso

Era l'ultimo grande accusato per il suo ruolo nella guerra in Bosnia, conflitto che causò almeno 100mila morti