Mercoledì 06 Luglio 2016 - 12:45

Rapporto su guerra Iraq inchioda Blair: Azione non necessaria

Secondo la commissione Chilcot non c'erano prove giustificate sulle armi di Saddam: "Conseguenze negative sino a oggi"

Gb, rapporto su guerra Iraq boccia Blair: Effetti sottostimati nonostante avvertimenti

Il Regno Unito non tentò tutte le opzioni pacifiche, prima dell'intervento militare in Iraq nel 2003: quella "non era l'ultima possibilità a disposizione" di Londra. Lo ha dichiarato Sir John Chilcot, a capo della commissione d'inchiesta britannica che porta il suo nome e le cui conclusioni vengono pubblicate oggi. Inoltre, per Chilcot, le dichiarazioni sulla presunta presenza di armi di distruzione di massa in Iraq "furono presentate con una certezza che non era giustificata".

PRESUNTE PROVE SU SADDAM. L'ex premier britannico Tony Blair presentò come certe alcune prove "non giustificate" sulla presenza di armi di distruzione di massa in Iraq da parte di Saddam Hussein. Le conseguenze dell'intervento militare in Iraq nel 2003 furono sottostimate, nonostante "espliciti avvertimenti". 

PIANIFICAZIONE INADEGUATA.  La pianificazione della situazione in Iraq dopo la caduta di Saddam Hussein fu "totalmente inadeguata". Così John Chilcot, a capo della commissione che ha indagato per sette anni sull'intervento militare britannico.  Le informazioni di intelligence su cui si basò l'intervento britannico in Iraq nel 2003 erano "inadeguate" e "non furono messe in discussione come sarebbe dovuto accadere". 

CONSEGUENZE NEGATIVE. L'intervento britannico in Iraq nel 2003 fu "negativo" e ha avuto "conseguenze" altrettanto negative "sino a oggi". Lo ha dichiarato a Londra John Chilcot, a capo della commissione che ha indagato per sette anni sull'intervento militare britannico e che presenta oggi le sue conclusioni.

NON C'ERA MINACCIA. Saddam Hussein non rappresentava una minaccia prima del marzo 2003, quando il Regno Unito e gli Stati Uniti iniziarono l'intervento armato in Iraq. L'ex premier laburista britannico Tony Blair nel 2002 promise appoggio incondizionato all'allora presidente americano George W. Bush per l'invasione dell'Iraq. "Sarò con voi qualsiasi cosa succeda", scrisse Blair a Bush il 28 luglio 2002, otto mesi prima che il 20 marzo 2003 prendesse il via la guerra. 

LEGGI ANCHE 'Blair si difende dal rapporto Chilcot: Mondo è migliore senza Saddam, agii in buona fede'

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Foto tratta dal profilo Twitter #SAVEAHMAD

L'accademico iraniano Djalali confessa: "Spionaggio per sabotare programma nucleare"

L'ammissione alla tv di Stato. Secondo la moglie, tuttavia, l'uomo, già condannato a morte, sarebbe stato costretto dai suoi interlocutori a leggere la confessione

Sventato attacco a San Pietroburgo grazie alla Cia. Putin ringrazia Trump

L'informazione fornita dall'agenzia ha permesso di arrestare alcuni terroristi, forse legati all'Isis, che preparavano attentati

Foto tratta dal profilo Twitter

Libano, diplomatica britannica strangolata dopo violenza sessuale

Il suo cadavere è stato trovato sul ciglio di una strada

Igor interrogato in Spagna: "Accetto processo in Italia"

Intanto, è caccia alla rete di complici che hanno concesso a Igor il russo di trasferirsi dall'Italia fino in Spagna