Domenica 17 Febbraio 2013 - 11:05

Iran, statue di Buddha confiscate da negozi di Teheran

IMG

Teheran (Iran), 17 feb. (LaPresse/AP) - Le autorità iraniane stanno confiscando le statue che rappresentano Buddha dai negozi della capitale Teheran, nel tentativo di fermare la divulgazione del buddismo nel Paese. Lo fa sapere il quotidiano indipendente iraniano Arman daily, citando un ufficiale per la protezione dell'eredità culturale, Saeed Jaberi Ansari. Ansari definisce le statue come simboli di una "invasione culturale" e afferma che le autorità non permetteranno che siano usate per la divulgazione del buddismo. L'ufficiale non ha specificato quante ne siano state sequestrate sinora, ma ha annunciato che l'operazione proseguirà. In passato, l'Iran ha imposto divieti per combattere l'influenza occidentale, tra cui sulle bambole Barbie e sui personaggi animati Simpsons, ma questa è la prima volta che mette al bando simboli provenienti dall'oriente.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Messico, rapper confessa: "Ho sciolto nell'acido tre studenti scomparsi"

Il cantante ha ammesso di essere stato assoldato dal cartello di Jalisco Nuova Generazione

Caso Alfie Evans, il padre incontra i medici per riportare il piccolo a casa

Alfie, il papà: "Mio figlio è ostaggio dell'ospedale. Grazie Italia, vi amiamo"

L'appello di Tom Evans al Papa: "Venga qui per rendersi conto. È ingiusto quello che stiamo subendo". Previsto incontro con i medici per discutere del ritorno a casa

Preso dopo 40 anni il serial killer della California. Era un poliziotto

Catturato il responsabile di una serie di omicidi e stupri avvenuti negli anni '70 e '80 nell'area di Sacramento. Joseph De Angelo, 72 anni, incastrato dal Dna

Washington: Macron al Congresso Usa

Macron a Congresso Usa: "Sì multilateralismo, mai armi nucleari a Iran"

Il presidente ha rimarcato l'amicizia franco-americana, gli "ideali e valori comuni", ringraziando Trump per il "forte simbolo" dell'invito alla Francia nella "prima visita di Stato"