Sabato 20 Maggio 2017 - 13:00

Iran, Rohani vince le elezioni su Raissi con il 57% dei voti

Lo sfidante Raissi si attesta al 39% dei consensi

Iran, Rohani si assicura la vittoria: avanti con il 56% dei voti

Il presidente uscente dell'Iran, il moderato Hassan Rohani vince le  presidenziali davanti al rivale conservatore, Ebrahim Raissi. Il presidente candidato alla rielezion ha vinto con il 57% dei voti. Il ministro dell'Interno, Abdolreza Rahmani Fazli,ha annunciato che Rohani ha ottenuto più di 23 milioni di voti, contro il principale rivale, il conservatore Ebrahim Raisí, fermo a 15 milioni, il 38,5%. 

I vincitori delle elezioni presidenziali in Iran sono "il popolo e il sistema della Repubblica islamica". È quanto ha detto il leader supremo dell'Iran, l'ayatollah Ali Khamenei, commentando l'esito del voto, ma senza mai citare il presidente rieletto Rohani. Khamenei, piuttosto, ha voluto elogiare l'alto tasso di affluenza, che ha superato il 70%. Nel suo messaggio, però, l'ayatollah ha anche chiesto ai cittadini "unità" dopo le "tensioni" della campagna elettorale, e ha raccomandato al nuovo presidente e ai membri del suo futuro governo di eliminare i problemi del Paese, prestare attenzione alle zone rurali e povere, e lottare contro la corruzione.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Papa Francesco in Perù

Pedofilia, O'Malley critica il Papa: "Addolora sua difesa di Barros"

Il cardinale di Boston presidente della commissione della Santa sede contro gli abusi sui minori prende le distanze da Bergoglio

Repubblica Ceca, incendio in hotel in centro Praga: 2 morti, 7 feriti

Tre sono in gravi condizioni. Il fuoco è stato domato dopo due ore

Kabul, talebani rivendicano attacco all'hotel Intercontinental: almeno 6 morti

La polizia ha ucciso i quattro uomini armati del commando aveva preso d'assalto la struttura

Continua il viaggio di Papa Francesco in Perù

Perù, Papa da alluvionati Niño: "Proteggetevi anche da tempesta sicariato"

Francesco richiama all'unità: mani tese e compassione, perché "ci sono cose che non si improvvisano e tanto meno si comprano"