Lunedì 01 Gennaio 2018 - 10:00

Iran, sale il numero delle vittime: 12 morti nei disordini. Trump: "E' tempo di cambiare"

Gli scontri durante le manifestazioni antigovernative

Iran, ancora proteste e scontri a Tehran

In Iran scorre ancora sangue sulle manifestazioni contro il governo. Sarebbero almeno 12 le persone morte negli scontri nell'ambito delle proteste contro il potere di Teheran, la corruzione, la disoccupazione e il caro vita, iniziate giovedì a Mashhad, la seconda città più grande del Paese.

Per la quarta notte consecutiva gli iraniani sono scesi di nuovo in strada ieri sera in diverse città fra cui Teheran. Centinaia gli arresti, 200 solo nella capitale. Manifestazioni ormai estesesi a tutto lo Stato. Le autorità iraniane affermano che le forze dell'ordine non sparano ai manifestanti e accusano i "sobillatori" dei disordini o "controrivoluzionari" armati di infiltrarsi fra i dimostranti.

Due persone sono state uccise a Dorud, altre vittime in altre città. Di morti nella città di Izeh oggi ha riferito un membro del Parlamento iraniano, Hedayatollah Khadem, che ha detto però di non sapere se gli spari provenissero dalle forze dell'ordine o dai manifestanti. I dimostranti in Iran hanno attaccato e anche bruciato edifici pubblici, centri religiosi, banche, e sedi della milizia islamica del regime. Il popolo iraniano risponderà "ai sobillatori", ha promesso oggi il presidente Hassan Rohani dopo un'altra notte di violente proteste e disordini. "La gente risponderà ai fuorilegge", ha sottolineato Rohani "che sono una piccola minoranza". Una "minoranza" contro cui il presidente iraniano chiede unità. "La nostra economia ha bisogno di un grande intervento chirurgico, dobbiamo essere tutti uniti", ha detto oggi. Dal canto suo, il capo della magistratura, Sadegh Larijani, ha affernato che "chi ha legittime rivendicazioni deve esprimerle legalmente", e che bisognava "agire con forza contro coloro che commettono atti di sabotaggio e propagano il caos", a quanto riferisce la televisione iraniana.

E dagli Usa, dove la Casa Bianca aveva avvertito che il mondo guarda con attenzione ciò che accade in Iran, Donald Trump parla chiaro. "È tempo di cambiare" in Iran per il presidente Usa, secondo cui "l'Iran sta fallendo a tutti i livelli, nonostante il terribile accordo" nucleare "della amministrazione Obama". E il riferimento di Trump è al patto del suo predecessore democratico. Per Trump "il grande popolo iraniano è stato represso per tanti anni, sono affamati di cibo e di libertà. Insieme ai diritti umani la ricchezza dell'Iran viene saccheggiata". Intanto una ragazza ritratta in un video senza il velo, che sventola in Iran il suo 'hijab' bianco per strada è diventata l' emblema della protesta. La donna, si legge nel profilo Facebook My Stealthy Freedom di Masih Alinejad, l'attivista impegnata contro l'obbligo dell''hijab', aderiva alla campagna 'WhiteWednesdays' ed è finita in stato di arresto. Ma altre donne la starebbero già emulando nell'Iran dove non si fermano proteste e scontri.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Papa Francesco a Puerto Maldonado per abbracciare gli indigeni

Il Papa contro la cultura machista: "Donne schiave di violenza senza fine"

Nell'incontro con gli indigeni del Perù Bergoglio denuncia una situazione non più tollerabile

Papa Francesco incontra i Popoli Amazzonia nel Coliseo in Perù

Papa dagli Indios in Perù: "Lotto con voi per salvare l'Amazzonia"

Francesco continua il suo viaggio in Sudamerica e incontra i nativi

Trump interviene via video alla marcia anti-aborto a Washington: è la prima volta

Si tratta della prima apparizione pubblica di un presidente alla manifestazione: Reagan e George W. Bush si erano collegati con il corteo ma solo per telefono

Isis, ucciso in Siria il rapper jihadista tedesco Deso Dogg

Nel 2014 la traduttrice dell'Fbi incaricata di controllarlo lo aveva raggiunto nel Paese per sposarlo