Lunedì 14 Aprile 2014 - 20:05

Iran, Onu: No a esecuzione di donna, forse uccise per autodifesa

IMG

Ginevra (Svizzera), 14 apr. (LaPresse/AP) - Le Nazioni unite hanno chiesto all'Iran di sospendere l'esecuzione di una donna condannata per omicidio, che si crede fosse rimasta vittima di un'aggressione sessuale e non avesse avuto un processo giusto. L'ufficio dell'Onu per i diritti umani ha fatto sapere che la pena di morte nei confronti della donna, Reyhaneh Jabbari, dovrebbe essere eseguita domani. Jabbari è stata condannata per aver ucciso nel 2007 Morteza Abdolali Sarbandi, un ex impiegato del ministero dell'Intelligence iraniano. Il caso, ha detto Ahmed Shaheed, l'investigatore speciale dell'Onu sui diritti umani in Iran, dovrebbe essere valutato nuovamente perché è possibile che Jabbari avesse agito in autodifesa. Testimonianze di "una fonte affidabile", ha affermato il funzionario, indicando che Sarbandi avesse aggredito la donna sessualmente prima che lei lo accoltellasse. Secondo Shaheed, più di 170 persone, tra cui due donne, sono state giustiziate dall'inizio dell'anno in Iran.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Prima del film Suburbicon a Los Angeles

Clooney donano 500mila dollari per la manifestazione contro le armi

L'attore e la moglie aiutano a finanziare il corteo del 24 marzo a Washington, organizzato dopo la sparatoria nel college in Florida in cui sono morte 17 persone

Trump parla alla Nazione dopo la sparatoria in Florida

La Cnn contro Trump: "Golf e Twitter durante funerali in Florida"

Il duro editoriale dell'anchorman Anderson Cooper: "Due famiglie hanno seppellito i loro figli. Nessuna menzione nei suoi tweet"

Corea oltre le Olimpiadi, viaggio al confine tra Nord e Sud: "Ripartiamo dalla bandiera unita"

Nella zona demilitarizzata si respira ibisco e tensione, tra chi vorrebbe l'unità e chi ne ha paura

Siria, raid del regime nel Ghouta

Siria, strage civili a Ghouta Est. Ad Afrin entrano filo Assad e Turchia spara

Gli appelli delle organizzazioni internazionali per porre fine alle violenze