Lunedì 14 Aprile 2014 - 20:05

Iran, Onu: No a esecuzione di donna, forse uccise per autodifesa

IMG

Ginevra (Svizzera), 14 apr. (LaPresse/AP) - Le Nazioni unite hanno chiesto all'Iran di sospendere l'esecuzione di una donna condannata per omicidio, che si crede fosse rimasta vittima di un'aggressione sessuale e non avesse avuto un processo giusto. L'ufficio dell'Onu per i diritti umani ha fatto sapere che la pena di morte nei confronti della donna, Reyhaneh Jabbari, dovrebbe essere eseguita domani. Jabbari è stata condannata per aver ucciso nel 2007 Morteza Abdolali Sarbandi, un ex impiegato del ministero dell'Intelligence iraniano. Il caso, ha detto Ahmed Shaheed, l'investigatore speciale dell'Onu sui diritti umani in Iran, dovrebbe essere valutato nuovamente perché è possibile che Jabbari avesse agito in autodifesa. Testimonianze di "una fonte affidabile", ha affermato il funzionario, indicando che Sarbandi avesse aggredito la donna sessualmente prima che lei lo accoltellasse. Secondo Shaheed, più di 170 persone, tra cui due donne, sono state giustiziate dall'inizio dell'anno in Iran.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Spagna, un anno fa attacco a Barcellona: la città ricorda le vittime

Barcellona commemora attacco Rambla divisa su questione Catalogna

In un doppio attentato tra il centro città e Cambris persero la vita 16 persone, tra cui due italiani

India, allagamenti per forti piogge

India, alluvioni in Kerala: 324 morti, oltre 220mila sfollati

Situazione drammatica dopo dieci giorni di piogge incessanti. In tutto lo Stato le vittime sono oltre 800

TURKEY-US-POLITICS-JUSTICE-RELIGION-DIPLOMACY

Turchia, respinta nuova richiesta di rilascio del pastore Usa

Washington minaccia nuove sanzioni. Ankara replica: "Pronti a reagire"

Jena, Angela Merkel alla conferenza "Citizens' dialogue on the future of Europe"

Migranti, Berlino: "Accordo con Grecia, intesa vicina anche con Italia"

Al centro i respingimenti al confine dei profughi che abbiano già chiesto asilo in altri Paesi europei