Mercoledì 21 Giugno 2017 - 19:30

Irama provoca con ‘Mi drogherò’: L'amore è la sostanza più potente

Esce il nuovo singolo del cantautore che nel 2016 ha esordito a Sanremo Giovani

Irama

Il ritmo ce l’ha nel sangue, e nel nome. Irama, nome d’arte di Filippo Maria Fanti, ha scelto infatti per rappresentarlo una parola che significa proprio questo in malese. Non ha ancora 22 anni, ma al suo attivo ha già un Festival di Sanremo nella sezione Nuove proposte (nel 2016) con ‘Cosa resterà’ e la vittoria nella sezione Giovani del ‘Coca-Cola Summer Festival 2016’ con ‘Tornerai da me’, il cui video ha raggiunto oltre 5 milioni di visualizzazioni. Ora, a un anno di distanza, è pronto a presentare al pubblico il suo nuovo singolo ‘Mi drogherò’. Un titolo ambiguo, e la copertina del singolo lo è ancora di più. Compare infatti proprio Irama che sembra intento ad ingoiare una pasticca a forma di cuore. “Chiaramente - racconta - è una provocazione. Non rappresenta la droga in senso stretto, ma in una forma diversa che è quella dell’amore. E di droghe, oggi, ce ne sono tante al di là di quelle scontate. Basta pensare, per esempio, alla ludopatia. Ho cercato di giocare proprio su questo fatto, dicendo che la droga più potente è l’amore. Noi, però, stiamo perdendo un po’ il contatto con realtà e abbiamo più paura di provare l’amore vero che non le droghe sintetiche”. 

Ancora una volta, in questo singolo, Irama unisce più generi musicali diversi ed è molto difficile catalogarlo. “Ogni artista - spiega - ha le proprie sfumature. Sono cresciuto fra vari generi e esprimo i miei concetti a modo mio. A volte c’è l’ingrediente rap, ma non sono un rapper. A volte quello pop, qua c’è anche il rock. È un ibrido”. E mentre presenta il brano, il giovane cantautore sta lavorando al nuovo disco che, assicura, “sarà un azzardo. Sto facendo una grossa crescita vocale. Sono contento e realizzato per i brani che sto scrivendo. Ma è ancora un work in progress”.

Irama traccia anche un bilancio dell’ultimo anno, che racconta come una continua evoluzione, e ricorda l’esperienza di Sanremo: “E’ stato molto utile, soprattutto come primo approccio ad un live. Non l’avevo mai fatto, quindi è stato come una montagna russa. Ne ho un bellissimo ricordo. Mi ha portato ad un tipo di pubblico particolare e differente, in un contesto molto elegante. E poi mi sono divertito, che è la cosa più importante”. A proposito di live, il primo appuntamento nei prossimi giorni di Irama è il Wind Summer Festival di Roma il 25 giugno: “Non vedo l’ora di salire su quel palco, è un’emozione incredibile vedere quel mare di persone. L’anno scorso è andata veramente bene, quest’anno bisogna spaccare ancora di più”. 

Scritto da 
  • Chiara Troiano
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Usa, 40° anniversario dalla morte di Elvis Presley a Memphis

Quarant'anni senza Elvis, omaggio dei fan davanti alla casa di Memphis

Una veglia in Tennessee in memoria del cantante che ha cambiato la storia della musica

Taylor Swift, her mother Andrea and attorney Jesse Schaudies react to the verdict being read in Denver Federal Court where the Taylor Swift groping trial goes on in Denver

Taylor Swift vince in tribunale contro dj che le palpò fondoschiena

Risarcimento simbolico di un dollaro per la cantante statunitense: "Deve servire da esempio per le altre donne che potrebbero essere riluttanti a denunciare"

Festival Federico Cesi, il suono dei borghi umbri diventa un concerto

L'Umbria raccontata dalla musica classica per un mese intero

Taylor Swift e le molestie sessuali: prima vittoria in aula contro il dj David Mueller

Taylor Swift e le molestie sessuali: prima vittoria contro il dj

I giudici hanno respinto la denuncia del disc jockey, che aveva accusato la cantante di averlo fatto licenziare senza giusta causa