Giovedì 23 Novembre 2017 - 16:15

"Io, vittima dell'usura: volevano rapire mio figlio"

Parla un imprenditore "strozzato": "Ero come un drogato, un morto vivo". "Attraverso gli usurai la 'ndrangheta è entrata nei negozi di Roma"

Usura e scommesse, blitz a Castellammare di Stabia

"Quando sei sotto usura, sei come un drogato, un morto vivo". Così Antonio Anile ex imprenditore 60enne, caduto vittima dell'usura dieci anni fa, racconta la sua storia a LaPresse.

"Un giorno il mio capo mi chiese di entrare in società con lui - ricorda Anile - diceva di avere una nuova attività e che gli servivano 70.000 euro. Io non avevo quel denaro, le banche mi davano picche perché avevo già un mutuo e le rate della macchina. A quel punto ho radunato i miei collaboratori dicendo loro che il capo voleva chiudere l'azienda e che per aprirne una nuova serviva quel denaro".

"Dall'ultimo banco dell'albergo nel quale facevo le riunioni si è alzato un mio collaboratore molto stretto - dice Anile - mi ha detto che non mi dovevo preoccupare, che i soldi me li avrebbe trovati lui attraverso degli amici.... ho ancora i brividi quando ci penso".

"Io inizialmente esitai - aggiunge - poi, da cretino, cedetti, ricevetti i soldi, li detti al mio capo che scappò subito dopo, e io mi ritrovai ad avere un debito con esponenti della 'ndrangheta di San Luca, che nel giro di poco crebbe, con interessi vertiginosi, arrivando alla fine a un milione e 300 mila euro".

"In quei mesi, subii attentati e minacce, mi sequestrarono, mi ammazzarono di botte, e io nel disperato tentativo di pagare gli interessi, persi tutto, compresa la mia famiglia: in preda al terrore mi trovai a prendere i gioielli di mia moglie, per venderli. Solo quando provarono a rapire mio figlio capii che l'unica strada era denunciare".

Dopo la denuncia, Anile fu messo sotto scorta, cambiò città e si ritrovò solo, lontano da tutto. Oggi collabora con Confesercenti Sos Impresa e aiuta chi è vittima di usura a trovare una strada per uscirne.

"L'usura - spiega Anile - è un reato molto penalizzante per chi è vittima e poco per chi è carnefice. Adesso vivo a Roma e vedo ogni giorno la realtà drammatica dell'usura. Ogni giorno conosco proprietari di negozi e realtà imprenditoriali messe in ginocchio.  Conoscevo tutti gli ex proprietari dei negozi sequestrati negli ultimi anni in via Veneto a causa delle infiltrazioni della 'ndrangheta". "Quelle infiltrazioni erano arrivate attraverso l'usura - conclude - e questo è il vero mondo di mezzo".

Scritto da 
  • Alessandra Lemme
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Operazione 'Gramigna' dei Carabinieri.Scacco al clan Casamonica

'Ndrangheta, agguato nel Reggino: ucciso un uomo, ferito grave bambino

I killer hanno aperto il fuoco in un terreno di proprietà del 39enne, pregiudicato e ritenuto appartenente all'omonima cosca. Grave il bimbo di 10 anni che era con lui

Prima prova di maturità al liceo Manzoni in via orazio

Maturità, Miur: cresce percentuale promossi, oltre 6mila i 100 e lode

Le rivelazioni del ministero sui primi risultati relativi agli Esami di Stato della scuola secondaria di II grado. In Puglia gli studenti migliori

Vibo Valentia, 'giardini segreti' di marijuana: scoperte 26mila piante del clan

Colpo all'associazione criminale capeggiata da Emanuele Mancuso

TOPSHOT-LIBYA-EU-MIGRANTS-RESCUE

Migranti, Open Arms accusa Libia e Italia. Viminale: "Bugie, li denunciamo"

La nave sbarca in Spagna con a bordo i cadaveri della donna e del bimbo recuperati a largo delle coste della Libia e Josepha, unica sopravvissuta al naufragio