Martedì 19 Gennaio 2016 - 17:00

Intesa Vicenza-Arezzo sul fieristico orafo-gioielliero

Matteo Marzotto illustra la nuova intesa

Matteo Marzotto

"L'accordo siglato oggi rappresenta un nuovo importante passo verso la nascita di un vero e proprio player fieristico italiano del settore orafo-gioielliero". Così Matteo Marzotto, presidente di Fiera di Vicenza, saluta l'intesa firmata, nell'ambito del 'Piano straordinario per il Made in Italy' promosso dal Mise, con Arezzo Fiere e Congressi, per la gestione coordinata del calendario fieristico del comparto per il biennio 2016-2017. Il punto di partenza per arrivare, stando agli obiettivi dichiarati dai due soggetti, alla creazione di un'unica piattaforma fieristica per il settore, eventualmente passando dalla costituzione di un nuovo soggetto societario nel quale centralizzare la gestione delle manifestazioni.

Per il momento, la gestione coordinata del calendario fieristico del settore nel biennio 2016-2017 prevede l'organizzazione di sei manifestazioni. Tre in Italia: Vicenzaoro January, Oroarezzo e Vicenzaoro September. E tre all'estero: Vicenzaoro Dubai, Vicenzaoro Italian Passion Made With Love al Jck di Las Vegas e la partecipazione italiana all'Hkijs di Hong Kong. "Avere armonizzato i calendari è il requisito indispensabile per evitare dispersioni nella promozione della filiera italiana dell'oro e del gioiello. Finalmente possiamo proporre alle aziende italiane opportunità commerciali ottimizzate per segmenti di mercato e canali distributivi", ha commentato Andrea Boldi, presidente del polo fieristico aretino, in occasione della presentazione dell'accordo, avvenuta a Milano.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Palermo, nuovo sbarco di migranti al porto: 241 sono bambini

"In Europa e Italia donne e bambini a rischio sfruttamento"

Il rapporto di Save the Children. Nel nostro paese nel 2016 le vittime sono state 1.172

Milano, 7mila euro per falsi permessi di soggiorno: in carcere 're delle trans'

Milano, 7mila euro per falsi permessi di soggiorno: in carcere 're delle trans'

Secondo gli investigatori, Biagio Lomolino era a capo di un giro di prostituzione dei trans sudamericane nel capoluogo lombardo