Venerdì 29 Gennaio 2016 - 17:30

Zika, Istituto superiore sanità: In Italia rischio basso

Intervista a Giovanni Rezza, direttore del Dipartimento malattie infettive dell'Istituto superiore di sanità

Preoccupazione per il virus Zika

Può essere un 'lupo travestito da agnello', è vero, ma il virus Zika non deve allarmare più di tanto l'Italia e i Paesi temperati. A dirlo a LaPresse è Giovanni Rezza, direttore del Dipartimento malattie infettive dell'Istituto superiore di sanità.

Dottor Rezza, cosa sta accadendo?
Accade che ci troviamo in una situazione in cui esiste un'epidemia in gran parte dell'America latina. Questo implica, certamente, che da noi possano arrivare delle persone infette, ma il numero previsto è molto limitato anche perché la trasmissione è più agevole nelle area tropicali.

 

Oggi il ministero della Salute ha avvertito le donne incinta di non fare viaggi nei Paesi a rischio: emergenza eccessiva?
No, non è eccessivo anche perché viaggi così lunghi e stressanti sono comunque sconsigliati in gravidanza. Ma bisogna comunque ricordare che la trasmissione avviene da zanzara a uomo quindi dovrebbe verificarsi che una donna incinta sia punta da una zanzara, che la donna venga infettata e che l'infezioni passi al feto e che alla fine il feto sia affetto da malformazioni.

In Italia che rischi si corrono?
Molto bassi, lo Zika non è malattia grave, la probabilità di avere complicanze è bassissima. Se una donna, in gravidanza, dovesse ammalarsi, prima deve fare le analisi per capire se è affetta, poi forse sarebbe opportuno fare un'ecografia per scongiurare qualsiasi malformazione.

Ma perché questi virus sono arrivato tutti insieme? E perché, per lo Zika, non c'è stata anche una prevenzione?
Perché l'allarme è nato quando è stato evidenziato, in Brasile, un aumento del venti per cento di microcefalie. Nel cervello di questi piccoli è stato scoperto il virus presente anche nel liquido amniotico. Nelle aree tropicali il rischio è altissimo, fuori è molto ridotto.

Scritto da 
  • Denise Faticante
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Palermo, nuovo sbarco di migranti al porto: 241 sono bambini

"In Europa e Italia donne e bambini a rischio sfruttamento"

Il rapporto di Save the Children. Nel nostro paese nel 2016 le vittime sono state 1.172

Milano, 7mila euro per falsi permessi di soggiorno: in carcere 're delle trans'

Milano, 7mila euro per falsi permessi di soggiorno: in carcere 're delle trans'

Secondo gli investigatori, Biagio Lomolino era a capo di un giro di prostituzione dei trans sudamericane nel capoluogo lombardo

Processo Talluto, la pm chiede l'ergastolo per 'l'untore dell'hiv'

Il 32enne sieropositivo è accusato di epidemia dolosa e lesioni gravissime, per aver contagiato negli anni decine di partner con rapporti non protetti

Gasolio rubato in Libia e rivenduto in Italia ed Europa: sei arresti a Catania VIDEO

La merce veniva sottratta dalla raffineria di Zawyia, trasportata via mare in Sicilia e successivamente immessa nel mercato