Sabato 05 Marzo 2016 - 15:00

Il 'Superman filippino': 26 operazioni per essere supereroe

Intervista a Herbert Chavez che ha il record per il maggior numero di oggetti di Clark Kent

Superman

Si è sottoposto a 26 dolorose operazioni di chirurgia estetica per trasformare il suo volto dai tratti asiatici in un calco perfetto di quello di Superman. Il protagonista è Herbert Chavez, filippino, 39 anni, che si definisce "il più grande fan al mondo" del supereroe. "Superman è sempre stato la mia ossessione da quando ho visto uno dei suoi film quando avevo solo quattro anni", racconta a Efe, che lo ha intervistato nella sua modesta abitazione nella provincia di Laguna, a sudest di Manila. La casa è piena di statue a grandezza naturale di Superman e la famosa 'S' del supereroe è ovunque: dal tavolo da pranzo alla tenda della doccia, passando per bicchieri, tazze, dentifricio, spazzolino, shampoo e tappetino del bagno.

Nelle Filippine lo chiamano 'El Pinoy Superman', cioè 'Il supermen filippino', visto che 'Pinoy' è il termine colloquiale che indica proprio i filippini. "È sempre stato il mio sogno essere uguale a lui e ho fatto tutto il possibile per esserlo" spiega sorridente. Nei 26 interventi realizzati in circa 20 anni, Herbert Chavez ha modificato narici, labbra, mento e fianchi e ha effettuato liposuzioni e sbiancamento della pelle per trasformare la sua carnagione scura. "La prima operazione risale al 1998, quando mi sono operato alle narici per renderle meno rotonde", racconta.

Ma per lui non è ancora abbastanza: vuole sottoporsi ad altri due interventi. Uno per impiantare delle lenti a contatto azzurre permanenti e l'altro per allungare le gambe, operazione questa fra le più dolorose. "Devo ancora allungarmi le gambe per somigliare ancora di più a Superman, perché sono filippino e quindi non sono molto alto. E, naturalmente, devo avere gli occhi azzurri", afferma. "Il dolore per me non costituisce un ostacolo. Essere diventato Superman è il mio regalo a tutti i filippini", dice convinto.

Di quanto ha speso, il 'Pinoy Superman' preferisce non parlare, e spiega che la maggior parte delle operazioni sono state gratuite. Ma in interviste rilasciate ai media locali ha parlato di circa 6mila dollari. Herbert Chavez, che si guadagna da vivere con diversi negozi di maschere e travestimenti a Calamba, dove abita, è anche entrato nel Guinness dei primati come persona che possiede il maggior numero di pupazzi e oggetti di Superman al mondo, con 1.253 articoli certificati (anche se lui sostiene che "in realtà sono circa 5mila).

 Il suo obiettivo principale nella vita, spiega, è quello di dimostrare ai suoi connazionali il vero significato di essere un supereroe, cioè aiutare chi ti sta vicino ed essere tollerante con il prossimo. "Voglio lanciare il messaggio che tutti possiamo essere eroi, tutti portiamo dentro questa possibilità", dice, sostenendo che lui lo predica dando l'esempio. "Molte volte esco in strada travestito da Superman per strappare un sorriso ai bambini. Molte altre volte compro cibo e mi dedico a distribuirlo alla gente che non ha nulla", racconta.

Herbert Chavez è tanto convinto del suo ruolo di supereroe che assicura di avere notato che nell'ultimo anno si sta trasformando "nel Superman reale". "Ci sono stati alcuni eventi nella mia vita che mi hanno fatto rendere conto che io sono veramente Superman. Per esempio, ho quasi 40 anni e non ho rughe. Non è troppo una coincidenza?", si chiede. E poi conclude: "Al momento non posso volare, ma per essere un supereroe non c'è bisogno di avere superpoteri".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Disney lavora a possibile offerta per acquisire Twitter

Disney lavora a possibile offerta per acquisire Twitter

Anche Salesforce.com starebbe lavorando a un'offerta, assieme con Bank of America

Terrorismo, Ue: Attacchi con armi chimiche sono possibili

Terrorismo, Ue: Attacchi con armi chimiche sono possibili

de Kerchove: E' necessario studiare i "nuovi modus operandi" dei jihadisti

Uomo spara in un supermercato ad ovest di Parigi: due feriti

Uomo spara in un supermercato ad ovest di Parigi: due feriti

E' accaduto nel sobborgo parigino di Port-Marly. Procura: No terrorismo

Referendum Svizzera, ministro a Gentiloni: No conseguenze ora

Referendum in Ticino, Gentiloni: Ostacolo a intesa Ue-Svizzera

Gli elvetici avvertono il ministro: Non ci saranno ripercussioni immediate sui lavoratori frontalieri italiani