Mercoledì 19 Luglio 2017 - 22:15

Amatrice come L'Aquila: imprenditore ride del terremoto

Anche nel 2009 un impresario edile rideva pensando ai guadagni del dopo sisma

Inaugurata una sala cinematografica provvisoria ad Amatrice

Nell'ultima inchiesta della procura dell'Aquila su presunte tangenti nella ricostruzione pubblica post terremoto compare l'intercettazione di un imprenditore che ride parlando delle commesse, in particolare di quelle relative ad Amatrice. Stesso episodio era successo con il sisma de L'Aquila sette anni prima. Lo confermano fonti vicino all'inchiesta. Si tratterebbe del presidente del Cda della società cooperativa Internazionale.

La vicenda ricorda quella dell'imprenditore

Francesco Maria De Vito Piscicelli che venne intercettato mentre parlava del terremoto con il cognato. Piscicelli (che poi negò e tentò anche il suicidio ingurgitando un intero tubetto di Tavor) diceva una frase di questo tenore: "Io ridevo, questa mattina alle tre e mezzo". Le tre e mezzo (3 e 32', per la precisione) erano appunto l'ora della scossa che fece 309 vittime nel capoluogo abbruzzese. L'imprenditore che compare nell'intercettazione del terremoto di Amatrice avrebbe più o meno lo stesso cinico atteggiamento.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Processo Talluto, la pm chiede l'ergastolo per 'l'untore dell'hiv'

Il 32enne sieropositivo è accusato di epidemia dolosa e lesioni gravissime, per aver contagiato in dieci anni decine di partner con rapporti non protetti

Gasolio rubato in Libia e rivenduto in Italia ed Europa: sei arresti a Catania VIDEO

La merce veniva sottratta dalla raffineria di Zawyia, trasportata via mare in Sicilia e successivamente immessa nel mercato

Nubi e foschia, il meteo del 18 e del 19 ottobre

Temperature stabili ma arriva la prima nebbia: le previsioni di oggi e domani in Italia