Mercoledì 19 Luglio 2017 - 22:15

Amatrice come L'Aquila: imprenditore ride del terremoto

Anche nel 2009 un impresario edile rideva pensando ai guadagni del dopo sisma

Inaugurata una sala cinematografica provvisoria ad Amatrice

Nell'ultima inchiesta della procura dell'Aquila su presunte tangenti nella ricostruzione pubblica post terremoto compare l'intercettazione di un imprenditore che ride parlando delle commesse, in particolare di quelle relative ad Amatrice. Stesso episodio era successo con il sisma de L'Aquila sette anni prima. Lo confermano fonti vicino all'inchiesta. Si tratterebbe del presidente del Cda della società cooperativa Internazionale.

La vicenda ricorda quella dell'imprenditore

Francesco Maria De Vito Piscicelli che venne intercettato mentre parlava del terremoto con il cognato. Piscicelli (che poi negò e tentò anche il suicidio ingurgitando un intero tubetto di Tavor) diceva una frase di questo tenore: "Io ridevo, questa mattina alle tre e mezzo". Le tre e mezzo (3 e 32', per la precisione) erano appunto l'ora della scossa che fece 309 vittime nel capoluogo abbruzzese. L'imprenditore che compare nell'intercettazione del terremoto di Amatrice avrebbe più o meno lo stesso cinico atteggiamento.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Prima prova di maturità al liceo Manzoni in via orazio

Maturità, Miur: cresce percentuale promossi, oltre 6mila i 100 e lode

Le rivelazioni del ministero sui primi risultati relativi agli Esami di Stato della scuola secondaria di II grado. In Puglia gli studenti migliori

Vibo Valentia, 'giardini segreti' di marijuana: scoperte 26mila piante del clan

Colpo all'associazione criminale capeggiata da Emanuele Mancuso

TOPSHOT-LIBYA-EU-MIGRANTS-RESCUE

Migranti, Open Arms accusa Libia e Italia. Viminale: "Bugie, li denunciamo"

La nave sbarca in Spagna con a bordo i cadaveri della donna e del bimbo recuperati a largo delle coste della Libia e Josepha, unica sopravvissuta al naufragio

L'automobile della Guardia di Finanza parcheggiata

Palermo, rete di Caf favoriva l'immigrazione clandestina: 9 arresti

Inoltravano istanze per il rinnovo o l'ottenimento del permesso di soggiorno sulla base di documentazione fiscale e assunzioni fittizie