Mercoledì 19 Luglio 2017 - 22:15

Amatrice come L'Aquila: imprenditore ride del terremoto

Anche nel 2009 un impresario edile rideva pensando ai guadagni del dopo sisma

Inaugurata una sala cinematografica provvisoria ad Amatrice

Nell'ultima inchiesta della procura dell'Aquila su presunte tangenti nella ricostruzione pubblica post terremoto compare l'intercettazione di un imprenditore che ride parlando delle commesse, in particolare di quelle relative ad Amatrice. Stesso episodio era successo con il sisma de L'Aquila sette anni prima. Lo confermano fonti vicino all'inchiesta. Si tratterebbe del presidente del Cda della società cooperativa Internazionale.

La vicenda ricorda quella dell'imprenditore

Francesco Maria De Vito Piscicelli che venne intercettato mentre parlava del terremoto con il cognato. Piscicelli (che poi negò e tentò anche il suicidio ingurgitando un intero tubetto di Tavor) diceva una frase di questo tenore: "Io ridevo, questa mattina alle tre e mezzo". Le tre e mezzo (3 e 32', per la precisione) erano appunto l'ora della scossa che fece 309 vittime nel capoluogo abbruzzese. L'imprenditore che compare nell'intercettazione del terremoto di Amatrice avrebbe più o meno lo stesso cinico atteggiamento.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Pericolo valanghe in Alta Val Venosta: evacuato un hotel

Situazione critica nella provincia di Bolzano, allerta di grado 5

Uccide moglie e spara dal balcone a Caserta

Caserta, dietro omicidio-suicidio motivi economici e gelosia

I carabinieri e i magistrati, che indagano sulla vicenda, stanno analizzando la vita dei coniugi morti a Bellona

Thailandia: ?Happy Zone? forzata a Pattaya per combattere la fama di capitale del sesso

Maddalena e la vita da escort: "Ho iniziato per pagarmi l'università, ma non riesco a smettere"

Una ventitrenne si racconta in un'intervista e spiega cosa vuol dire fare la escort

Spagna, ingenti piogge e temperature in calo

Ancora nuvole, con piogge al Sud: il meteo del 23 e del 24 gennaio

Temperature stazionarie in tutta la penisola