Giovedì 10 Novembre 2016 - 14:30

Inter, Pioli: Voglio squadra che giochi con cuore in mano

"Icardi è un grandissimo attaccante ma segnino anche gli altri"

Inter, Pioli: Voglio squadra che giochi con cuore in mano

"Noi dobbiamo sicuramente ragionare da squadra e e possiamo vincere se rinunciamo al nostro io per la squadra. Sono convinto che il talento. Voglio una squadra che giochi con il cuore in mano. Dobbiamo prendere energia dai nostri tifosi. Ma dobbiamo giocare con passione". Queste le parole dell'allenatore dell'Inter, Stefano Pioli, durante la conferenza stampa di presentazione alla Pinetina. "Credo che serva avere una mentalità vincente e concreta. La squadra ha dei valori per giocare un calcio propositivo. Per me l'obiettivo più importante è che i giocatori entrino con una passione enorme per mettere sotto gli avversari. Abbiamo i valori tecnici per dimostrare quello che siamo", ha aggiunto.

CHAMPIONS. "Sarei contento se ottenessimo la Champions League. Ci sono tante partite da giocare, un terzo dal campionato. A questo punto l'anno scorso l'Inter era prima ma non ha vinto. Non sono qui a vendere facili illusioni ma ci sono tutte le possibilità per centrare l'obiettivo che la proprietà vuole e anche l'allenatore", ha detto Pioli. "Sento la proprietà molto vicina. Sappiamo che il cammino non sarà semplice e che dobbiamo tornare nelle posizioni di vertice. Dobbiamo allenarci almeno quanto i nostri avversari, ma meglio", ha aggiunto. "La sosta di Natale sarà importante ma non è così tanto ampia da poterti permettere di fare dei richiami di preparazione. Giorno dopo giorno, i giocatori devono mettere disponibilità e ho trovato negli occhi la volontà di cambiare passo. Ma serve un lavoro passo dopo passo. Cerco di fare le cose più semplici possibili. La squadra ha bisogno di idee di gioco", ha concluso Pioli.

ICARDI GRANDE ATTACCANTE. "Icardi? Sono contentissimo di allenarlo: è un grandissimo attaccante che sta segnando tanto e con continuità. Credo che possa essere un grande esempio per l'impegno e il sacrificio. Uno dei miei obiettivi è far occupare meglio l'area avversaria. Penso che sia giusto avere non solo un terminale offensivo, ma anche altri come gli esterni e le seconde punte", ha dichiarato l'allenatore dell'Inter. "Gabigol? E' previsto l'utilizzo di tutti i giocatori che ci possono aiutare a vincere la partita. È un giocatore di qualità e in questi giorni sta dimostrando tanta voglia", ha aggiunto.

E su Candreva: "Ho sempre pensato che Candreva fosse un grande professionista. I contesti sono diversi. So che Antonio sta facendo bene, l'ho sempre stimolato per dare di più e da lui mi aspetto tanto". 

TRAPATTONI? UN RIFERIMENTO. "Trapattoni è stato sempre il mio punto di riferimento da allenatore e mi ha fatto capire come mettere passione e entusiasmo. So di allenare un grandissimo club, tra i più importanti al mondo. Secondo me, la chiamata dell'Inter è arrivata al momento giusto della mia carriera. 'Trap' dice grandi cose, ma credo che sia più facile vincere le partite giocando bene a calcio", ha sottolineato Pioli. 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Inter, Pioli: Gabigol? Se non gioca è perché non è ancora pronto

Inter, Pioli: Gabigol? Se non gioca perché non ancora pronto

Il tecnico nerazzurro parla dopo il successo in Europa League sullo Sparta Praga

Europa League, Inter saluta con vittoria: 2-1 a Sparta Praga

Europa League, Inter saluta con vittoria: 2-1 a Sparta Praga

Successo ininfluente per la formazione di Pioli, già eliminata dai giochi