Lunedì 17 Ottobre 2016 - 13:45

Inter, Mazzola su caso Icardi: Giusto togliergli la fascia

Il commento dell'ex stella nerazzurra sullo scontro tra il capitano e la Curva Nord

Inter, Mazzola su caso Icardi: Giusto togliergli la fascia

Sarebbe giusto togliere la fascia a Mauro Icardi? "Sì, perché queste sono questioni che si risolvono con la società". Questa la posizione dell'ex stella dell'Inter, Sandro Mazzola, contattato da LaPresse, sul caso del capitano nerazzurro, in polemica con la Curva Nord. "L'autobiografia si può scriverla ma dipende dalle cose che si scrivono", ha aggiunto rispondendo alla domanda se è presto fare un libro sulla propria vita a 23 anni.

LEGGI ANCHE Icardi ai tifosi: Fischiate me, ma state vicini all'Inter

"Sicuramente, fa riflettere" la sconfitta con il Cagliari, però "io sarei per continuare con Frank de Boer e dargli ancora tempo", ha poi spiegato. Tornando poi sulle parole dell'ex presidente Massimo Moratti che ha parlato di "grande caos", ha scandito: "Era l'unica cosa che, secondo me, avrebbe potuto dire". Un suo ritorno alla presidenza? "Non lo so, Moratti è sempre una garanzia ma dipende da molte cose", ha concluso Mazzola.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Inter - Roma

Le pagelle di Inter-Roma: Alisson dei miracoli, disastro Santon

Il portiere di gran lunga il migliore in campo. Bene anche Skriniar e El Shaarawy. Male Bruno Peres

Inter - Roma

Inter-Roma, finisce 1-1 lo spareggio di Champions League

Segnano El Shaarawy e Vecino. Grandi parate di Alisson che tiene avanti i giallorossi fino all'85'. Partita non bella ma molto combattuta

Hellas Verona - Inter

Inter-Roma, Spalletti: "Non è decisiva". Di Francesco: "Dzeko titolare"

Le dichiarazioni dei mister aspettando il match di questa sera

Christian Vieri e la sua fidanzata Costanza  Caracciolo in spiaggia a Miami

Vieri pedinato da Inter e Telecom. Ora i giudici gli danno torto

L'ex calciatore, in primo grado aveva ottenuto un milione di risarcimento. Poi ridotto a 120 mila euro. Adesso è stata respinto il suo ricorso e dovrà pagarne 33 mila