Mercoledì 27 Aprile 2016 - 21:15

Inter, Mancini: Serve pazienza per ricostruire. Nazionale non si rifiuta mai

Così a Premium Champions l'allenatore dell'Inter a proposito delle voci su un suo possibile approdo in azzurro

Mancini in Genoa vs Inter - Serie A Tim 2015/2016

"Io pronto per la Nazionale? Non capita a tutti di allenarla, non è un traguardo per tutti: il lavoro è diverso però può essere ugualmente bello e piacevole. Quando arriva la chiamata della Nazionale, se c'è la possibilità, penso che uno debba accettare." Così a Premium Champions l'allenatore dell'Inter Roberto Mancini a proposito delle voci su un suo possibile approdo in Nazionale.

 

"Simeone, come Guardiola, sta facendo cose straordinarie, anche se chiaramente per Diego non è stato facile perché ha in campionato squadre come Real Madrid e Barcellona. Trasmette ai suoi giocatori una grinta e una carica agonistica incredibili, ma anche tatticamente è molto attento: è molto difficile giocare contro l'Atletico Madrid", ha detto ancora Mancini a proposito delle voci su un futuro in nerazzurro del Cholo Simeone. 

 

"Le sue dichiarazioni sul futuro sulla panchina dell'Inter? Credo che sia anche giusto: è stato un giocatore dell'Inter  e credo sia giusto che pensi così, sarebbe una cosa bella", ha aggiunto. Per quanto riguarda il suo di futuro, Mancini ha detto: "Beh, allenare in due non si può: sarei felice se un giorno lui possa tornare in Italia".

 

 "La crisi delle milanesi in Champions al cospetto di Madrid? In Spagna ci sono le due squadre più forti al mondo, che hanno budget infiniti e negli ultimi anni si è inserito l'Atletico. Sono cicli - ha dichiarato Mancini - in questo momento in Italia stiamo ricostruendo e il fatto che spesso venga snobbata l'Europa League è un grave errore, perché l'Italia non può non avere quattro squadre in Champions. Per quanto riguarda l'Inter, siamo sulla buona strada: ci vuole tempo e purtroppo in questo percorso si possono commettere anche degli errori". Sull'altalena dei risultati dell'Inter. "Dalla partita di coppa con la Juve abbiamo sempre fatto ottime gare, però commettiamo delle ingenuità e sbagliare, quando si lavora per ricostruire, è un passaggio che capita. Tutti sbagliano - ha spiegato - dal sottoscritto all'ultimo dei magazzinieri: noi dovevamo essere tra Napoli e Roma e giocarci le posizioni con loro, se non è accaduto anche io sono responsabile. Ma bisogna avere pazienza, cosa che in Italia manca e spesso ci fa fare brutte figure".

 

"I frequenti cambi di formazione? Capitava spesso all'inizio, perché tutti i giocatori erano pronti, ma negli ultimi mesi sono quasi sempre stati gli stessi a giocare", ha replicato. Capitolo programmazione futura. "Se sento la società vicina? La società mi è sempre stata vicina - ha detto - in Inghilterra gli allenatori non vedono mai il proprietario. Io Thohir lo sento tutte le settimane e il resto dello staff lo vedo tutti i giorni ad Appiano, quindi da questo punto di vista non c'è alcun problema. Come commento il fenomeno Leicester? Sono felicissimo per loro e soprattutto per Ranieri, perché se lo merita: stanno facendo qualcosa di straordinario, che difficilmente ricapiterà in futuro".  Capitolo mercato. "L'interesse per Yaya Tourè? Difficile parlare adesso di mercato, sicuramente dovremo fare delle scelte e sperare di azzeccarle: lui è un grande giocatore, ma è un giocatore del City. Il calcio è strano - ha detto - a volte non c'è bisogno di cambiare tanto. Noi abbiamo bisogno perché stiamo ricostruendo, abbiamo bisogno di calciatori che abbiano personalità e tecnica elevate, ma non è facile trovare giocatori bravi e che al tempo stesso non costino tanto".

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Inter  vs Udinese

Serie A, le pagelle di Inter-Udinese 1-3: De Paul trascina i friulani

Icardi strappa un sei e mezzo, Perisic sottotono

Inter  vs Udinese

Serie A, l'Udinese espugna San Siro: primo ko per l'Inter, non basta Icardi

Pesa la prima sconfitta stagionale, e ora la squadra di Spalletti rischia di perdere dopo solo due turni il primato in classifica

TIM Cup 2017/2018 - Inter vs Pordenone

Spalletti guarda all'Udinese e spiega il Pordenone: "Troppi cambi, è colpa mia"

L'allenatore nerazzurro spiega che non c'è spazio per rifiatare: "E' una lunga volata". Per la Figc? "Voto Tommasi"

TIM Cup 2017/2018 - Inter vs Pordenone

Favola Coppa Italia, Inter batte Pordenone solo ai rigori

Incredibile a San Siro, i neroverdi friulani (quinti in C) fanno 0-0 dopo 120 minuti con la squadra in testa alla serie A. Poi perdono al settimo rigore. Decisivo Nagatomo