Mercoledì 02 Novembre 2016 - 14:00

Inter, Leonardo si defila: Per la panchina non sono il profilo ideale

"La situazione dei neroazzurri non è semplice, non vanno dimenticati i due cambi di proprietà"

Inter, Leonardo si defila: Per la panchina non sono profilo ideale

Dopo l'esonero di Frank De Boer arrivato ieri dalla dirigenza dell'Inter, prosegue il toto nomi per capire chi si andrà a sedere sulla bollente panchina neroazzurra. Tra i nomi tornati in auge quello di Leonardo, già allenatore del club nella stagione 2010-2011. "Mi fa piacere ma penso che il mio nome sia uscito più per il passato. Non penso di essere il profilo ideale per l'Inter", ha detto, ospite negli studi di Sky Sport. Quindi ha specificato: "Sono un allenatore con profilo manageriale, oltretutto non mi vedo molto bene lì. Rimane la riconoscenza per il rapporto che è rimasto, ma la situazione non è semplice, non vanno dimenticati i due cambi di proprietà". Per Leonardo ora "serve molta calma prima di scegliere un nuovo allenatore. Si deve rivedere tutto e capire come organizzarsi. Queste cose vanno riviste prima di chiamare il nuovo tecnico".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

The Defenders, da Zanetti a Chiellini: ecco i calciatori-supereroi per Netflix

Quattro 'supereroi' dei campi da calcio diventano eroi dei fumetti per il lancio della nuova serie Netflix

Tavecchio: Sono soddisfatto dalla Var, ma va lubrificato meccanismo

Tavecchio: Sono soddisfatto del Var, ma va lubrificato il meccanismo

E' stato proprio il presidente della Figc a spingere affinché venisse introdotta la moviola in campo

Lazio - Spal

Serie A, Spal ferma la Lazio. Samp e Chievo ok, pari Sassuolo-Genoa

Una doppietta di Quagliarella lancia la Sampdoria sulò Benevento mentre il Chievo espugna la 'Dacia Arena' battendo 2-1 l'Udinese

Inter  - Fiorentina  - Campionato italiano di calcio Serie A TIM 2017-18

Inter surclassa Fiorentina. Tris del Milan, pari Bologna e Torino

Il centravanti argentino non è solo il capitano ma il leader incontrastato della partita, ma la Viola non è stata a guardare