Mercoledì 02 Novembre 2016 - 14:00

Inter, Leonardo si defila: Per la panchina non sono il profilo ideale

"La situazione dei neroazzurri non è semplice, non vanno dimenticati i due cambi di proprietà"

Inter, Leonardo si defila: Per la panchina non sono profilo ideale

Dopo l'esonero di Frank De Boer arrivato ieri dalla dirigenza dell'Inter, prosegue il toto nomi per capire chi si andrà a sedere sulla bollente panchina neroazzurra. Tra i nomi tornati in auge quello di Leonardo, già allenatore del club nella stagione 2010-2011. "Mi fa piacere ma penso che il mio nome sia uscito più per il passato. Non penso di essere il profilo ideale per l'Inter", ha detto, ospite negli studi di Sky Sport. Quindi ha specificato: "Sono un allenatore con profilo manageriale, oltretutto non mi vedo molto bene lì. Rimane la riconoscenza per il rapporto che è rimasto, ma la situazione non è semplice, non vanno dimenticati i due cambi di proprietà". Per Leonardo ora "serve molta calma prima di scegliere un nuovo allenatore. Si deve rivedere tutto e capire come organizzarsi. Queste cose vanno riviste prima di chiamare il nuovo tecnico".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

GER, FC Bayern Muenchen vs SG Sonnenhof Grossaspach

Calciomercato, Inter-Barça accordo per Rafinha. Chelsea su Dzeko e Emerson

Il Napoli continua a pensare a Matteo Politano del Sassuolo. Tra gli allenatori Prandelli ha chiuso l'esperienza negli Emirati Arabi

Barcellona vs Deportivo La Coruna - Liga 2016/2017

Calciomercato, Inter insiste per Rafinha. Walcott all'Everton

Dopo l'arrivo di Lisandro Lopez Suning, il direttore sportivo vuole regalare un altro rinforzo a Luciano Spalletti

Champions League - SSC Napoli vs Feyenoord

Calciomercato, Napoli: Deulofeu scende, Politano sale. Maksimovic la chiave

Dopo il rifiuto di Verdi non resta che virare su altri obiettivi

Morte Ciro Esposito: 'Ciao eroe', striscione davanti autolavaggio dove lavorava

Calciatori nel mirino dei violenti. E il razzismo è l'arma prevalente

Uno studio dell'Osservatorio dell'Aic. Spesso sono gli stessi sostenitori della squadra a minacciare. Intimidazioni in lieve calo. Tommasi: "Restiamo in guardia"