Sabato 14 Gennaio 2017 - 23:45

Inter, Icardi: Se mi chiamano dalla Cina? C'è tempo a fine carriera

I nerazzurri hanno sconfitto il Chievo 3-1

Inter, Icardi: Se mi chiamano dalla Cina? C'è tempo a fine carriera

"Se mi arrivasse un'offerta irrinunciabile dalla Cina? A inizio anno ho fatto un rinnovo qui e sono contento di restare con questa maglia. Per andare in Cina c'è sempre tempo a fine carriera". Lo ha detto Mauro Icardi, attaccante dell'Inter, ai microfoni di Sky Sport dopo il successo per 3-1 sul Chievo nell'anticipo. "Nel 2017 sarò protagonista con l'Argentina? Vediamo, io faccio il mio lavoro come sempre, poi il ct è quello che decide", ha continuato l'argentino, "se mi vuole chiamare io sono pronto".

"Questa è la strada giusta, dobbiamo continuare così. Stiamo lavorando bene, soprattutto sulla testa, ognuno si sacrifica per il compagno", ha detto invece a proposito della vittoria sul Chievo, "l'obiettivo è il terzo posto. abbiamo cominciato male, ma ora ci stiamo riprendendo". "Il mio obiettivo? Sono contento se la squadra vince, questo è un grande gruppo".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

GER, FC Bayern Muenchen vs SG Sonnenhof Grossaspach

Calciomercato, Inter-Barça accordo per Rafinha. Chelsea su Dzeko e Emerson

Il Napoli continua a pensare a Matteo Politano del Sassuolo. Tra gli allenatori Prandelli ha chiuso l'esperienza negli Emirati Arabi

Barcellona vs Deportivo La Coruna - Liga 2016/2017

Calciomercato, Inter insiste per Rafinha. Walcott all'Everton

Dopo l'arrivo di Lisandro Lopez Suning, il direttore sportivo vuole regalare un altro rinforzo a Luciano Spalletti

Champions League - SSC Napoli vs Feyenoord

Calciomercato, Napoli: Deulofeu scende, Politano sale. Maksimovic la chiave

Dopo il rifiuto di Verdi non resta che virare su altri obiettivi

Morte Ciro Esposito: 'Ciao eroe', striscione davanti autolavaggio dove lavorava

Calciatori nel mirino dei violenti. E il razzismo è l'arma prevalente

Uno studio dell'Osservatorio dell'Aic. Spesso sono gli stessi sostenitori della squadra a minacciare. Intimidazioni in lieve calo. Tommasi: "Restiamo in guardia"