Venerdì 10 Febbraio 2017 - 10:15

Inps, stop a trattamento di disoccupazione per i Co.co.co

Prestazione non prorogata anche per i contratti a progetto

Inps, stop a trattamento di disoccupazione per i Co.co.co

Stop dall'Inps alla prestazione di disoccupazione Dis-Coll, istituita in via sperimentale nel 2015 a favore dei collaboratori coordinati e continuativi (Co.co.co), anche a progetto, per gli eventi di disoccupazione verificatisi nell'anno 2015 e successivamente prorogata per gli eventi di disoccupazione verificatisi nell'anno 2016. Pertanto, in assenza di previsione normativa, spiega l'Inps, "non sarà possibile procedere alla presentazione delle domande di indennità Dis-Coll per le cessazioni involontarie dei contratti di collaborazione coordinata e continuativa, anche a progetto, verificatesi dal 1°gennaio 2017".

Il trattamento Dis-Coll era in favore dei collaboratori coordinati e continuativi, anche a progetto, con esclusione degli amministratori e dei sindaci, iscritti in via esclusiva alla gestione separata, non pensionati e privi di partita Iva, che avevano perduto involontariamente la propria occupazione e che soddisfino congiuntamente i prescritti requisiti.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Istat: Crescita Italia si consolida, segnali positivi sul lavoro

Migliora la fiducia dei consumatori e, in parte, quella delle imprese

Manifestazione della Cgil

Lavoro, ancora in crescita le assunzioni. Ma solo un quarto a tempo indeterminato

Il rilevamento Inps riferito ai primi 5 mesi dell'anno registra un incremento del 16% ma di "qualità" inferiore

Manifestazione dei metalmeccanici Fiom-Cgil

Boeri: Migranti buoni contribuenti. E non rubano lavoro

La relazione del presidente dell'Istituto di previdenza davanti alla Commissione d'inchiesta sul fenomeno migrazione. "Ogni anno ci regalano 300 milioni a fondo perduto"

Roma, Manifestazione della Cgil

Ue, creati 10 milioni posti di lavoro. Disoccupazione ai minimi

L'indagine annuale. Sono 234 milioni gli occupati nell'Unione. Ma il reddito dei giovani si riduce