Venerdì 17 Febbraio 2017 - 19:15

Ingroia: Stato ha scelto di trattare e non di sconfiggere mafia

"La classe dirigente del Paese ha preferito conviverci anziché eliminarla"

Ingroia: Stato ha scelto di trattare e non di sconfiggere la mafia

"Ha ragione Nicola Gratteri quando dice che bisogna stare in guardia dai nuovi gattopardi, i nemici di Giovanni Falcone che poi lo hanno osannato dopo la sua morte e, presentandosi come suoi amici, hanno fatto luminose carriere in vari campi e settori". Lo ha detto il presidente di Azione Civile ed ex pm Antimafia, Antonio Ingroia, a margine del premio Internazionale giuridico-scientifico "Falcone e Borsellino" che ha premiato, tra gli altri, proprio Nicola Gratteri. "Del resto - ha aggiunto Ingroia, che era tra i giurati - il 25esimo anniversario delle stragi può essere finalmente l'occasione per fare un bilancio della guerra contro la mafia, che lo Stato poteva vincere e non ha voluto vincere. La politica purtroppo ha scelto per tutti noi di trattare e convivere con la mafia anziché sconfiggerla. Da sempre - ha concluso - la classe dirigente del Paese ha preferito convivere con la mafia anziché combattere per eliminarla".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Paolo Gentiloni al Meeting di Rimini 2017

Terrorismo, Gentiloni: Nessuno salvo, non rinunceremo a libertà

All'indomani delle minacce Isis all'Italia, il premier e il ministro degli Affari Esteri parlano della sicurezza in Italia

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Ius soli, Gentiloni riapre partita: Conquista di civiltà. Salvini: Follia

"Diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri", dice il premier. Durissima la risposa della destra

Ministero dell'Interno. Firma del "Patto nazionale per un Islam italiano"

Terrorismo, due marocchini e un siriano espulsi da Italia

Con questi rimpatri, 70 nel solo 2017, salgono a 202 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi

L'Italia piange Bruno e Luca. Mattarella: "Lotta al terrore"

La politica si stringe nel dolore delle famiglie