Martedì 05 Gennaio 2016 - 16:15

Inflazione, a dicembre prezzi fermi, in 2015 +0,1%

Il tasso di inflazione in media d'anno del 2015, pari al +0,1%, è il più basso dal 1959

 Il tasso di inflazione italiano in media d'anno del 2015, pari al +0,1%, è il più basso dal 1959

A dicembre i prezzi al consumo in Italia registrano una variazione nulle rispetto al mese precedente e un aumento dello 0,1% su base annua, lo stesso registrato a novembre. È quanto emerge dai dati provvisori Istat sull'inflazione. L'inflazione in Italia rallenta dunque nel 2015 al +0,1%, rispetto alla media d'anno del +0,2% registrata nel 2014. Si tratta del terzo anno consecutivo di calo. L'inflazione di fondo, ovvero quella calcolata al netto degli alimentari freschi e dei prodotti energetici, si conferma nel 2015 al +0,7%. La stabilità dell'inflazione a dicembre 2015 è dovuta al bilanciarsi di spinte contrapposte: da una parte l'accelerazione della crescita dei prezzi dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (+0,9%, da +0,6% di novembre) e l'ulteriore riduzione dell'ampiezza della flessione dei prezzi dei Beni energetici non regolamentati (-8,8%, da -11,2% di novembre); dall'altra l'inversione della tendenza dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (-1,7%, da +0,6% di novembre) e il rallentamento della crescita di quelli degli Alimentari non lavorati (+2,2%, da +3,2%). A dicembre l''inflazione di fondo' scende a +0,6% (da +0,7% del mese precedente); al netto dei soli beni energetici si attesta a +0,7% (da +0,8% di novembre). Rispetto a dicembre 2014, i prezzi dei beni calano dello 0,1% (da -0,2% il mese precedente) mentre il tasso di crescita dei prezzi dei servizi rallenta (+0,3%, da +0,6% di novembre). Pertanto, il differenziale inflazionistico tra servizi e beni si riduce di quattro decimi di punto percentuale.

 

ALIMENTARI. I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona diminuiscono a dicembre dello 0,3% su mese ma aumentano, in termini annui, dello 0,9%, tuttavia in rallentamento dal +1,3% di novembre. I prezzi dei prodotti ad alta frequenza di acquisto, precisa l'istituto statistico, diminuiscono dello 0,2% su base mensile e sono fermi su base annua (era -0,1% a novembre).

 

EUROZONA. L'inflazione di dicembre per l'eurozona è data al +0,2% su base annua, un dato stabile rispetto a novembre. Lo rileva Eurostat nella sua stima flash. Il dato è inferiore alle attese degli analisti, che si aspettavano una lieve accelerazione allo 0,3%. Considerando le principali componenti dell'inflazione nell'eurozona, segnala ancora l'istituto statistico di Bruxelles, si osserva come l'aumento dei prezzi più significativo in dicembre sia atteso per quanto riguarda cibo, alcol e tabacco (+1,2% annuo rispetto al +1,5% di novembre). Seguono i servizi (+1,1% rispetto al +1,2% di novembre), i beni industriali non energetici (+0,5% stabile) e l'energia (-5,9% rispetto al -7,3% rilevato in novembre).

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

FILE PHOTO - The logo of Amazon is seen at the company logistics center in Lauwin-Planque northern France

Amazon, accordo con il fisco italiano: pagherà 100 milioni di euro

È questa la cifra accordata per gli arretrati tra il 2011 e i 2015

Ryanair strike

Ryanair minaccia i piloti per lo sciopero. Calenda: "Indegno"

La compagnia low cost irlandese paventa sanzioni per chi incrocerà le braccia il 15 dicembre

Reddito di inclusione: come richiederlo a Roma

Parle la misura nazionale di contrasto alla povertà promossa dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Copies of bitcoins standing on PC motherboard are seen in this illustration picture

Bitcoins volano oltre 18 mila dollari dopo debutto futures Cboe

La moneta virtuale accresce il suo valore, segnando un nuovo record storico