Lunedì 22 Febbraio 2016 - 10:15

Inflazione, Istat: -0,2% a gennaio sul mese, +0,3% su anno

Secondo l'istituto statistico l'inflazione acquisita per il 2016 è pari a -0,4%

Istat: Carrello spesa rallenta al +0,3% annuo a gennaio

I prezzi al consumo sono calati dello 0,2% a gennaio su dicembre, ma hanno accelerato al +0,3% su anno rispetto al +0,1% fatto registrare nell'ultimo mese del 2015. Lo riferisce l'Istat, confermando la stima preliminare sull'inflazione a gennaio. Secondo l'istituto statistico l'inflazione acquisita per il 2016 è pari a -0,4%. Il lieve rialzo dell'inflazione, spiega l'Istat, è principalmente imputabile al ridimensionamento della flessione dei beni energetici non regolamentati (-5,9%, da -8,7% di dicembre) e all'inversione della tendenza dei prezzi dei servizi relativi ai trasporti (+0,5%, da -1,7% di dicembre). Questa dinamica è attenuata dal rallentamento della crescita degli alimentari non lavorati (+0,6%; era +2,3% il mese precedente).

Al netto degli alimentari non lavorati e dei beni energetici, l''inflazione di fondo' sale a +0,8% (da +0,6% di dicembre) e quella al netto dei soli beni energetici passa a +0,8% (da +0,7% di dicembre). Il ribasso mensile dell'indice generale è essenzialmente dovuto alla diminuzione dei prezzi dei beni energetici (-2,4%). A seguito dell'accelerazione della crescita su base annua dei prezzi dei servizi (+0,7% da +0,3% di dicembre) e della flessione dello 0,1% dei prezzi dei beni (la stessa registratra a dicembre) il differenziale inflazionistico tra servizi e beni si amplia di quattro decimi di punto percentuale. L'indice Ipca diminuisce del 2,2% su base mensile e aumenta dello 0,4% su base annua (da +0,1% di dicembre), confermando la stima preliminare. La flessione congiunturale è in larga parte da ascrivere ai saldi invernali dell'abbigliamento e calzature, di cui l'indice Nic non tiene conto. L'indice Foi, al netto dei tabacchi, diminuisce dello 0,2% rispetto a dicembre e aumenta dello 0,3% nei confronti di gennaio 2015.

RALLENTA CARRELLO DELLA SPESA - I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona diminuiscono a gennaio dello 0,2% rispetto a dicembre e aumentano dello 0,3% su base annua, dal +0,9% del mese precedente. I prezzi dei prodotti ad alta frequenza di acquisto diminuiscono dello 0,3% in termini mensili e registrano un aumento su base annua dello 0,1%, contro la variazione nulla di dicembre su dodici mesi.

L'INFLAZIONE NELLE 10 PRINCIPALI CITTA' ITALIANE - Dieci tra le principali città italiane - capoluoghi o città con oltre 150 mila abitanti - che a gennaio, su base annua, registrano una variazione annua dei prezzi nulla o risultano in deflazione. A Milano, Firenze, Perugia, Ravenna, Reggio Calabria e Palermo i prezzi sono fermi rispetto a gennaio 2015. Registrano invece tassi negativi Potenza (-0,2%), Trieste (-0,2%), Bari (-0,3%) e Verona (-0,1%). Per quanto riguarda i capoluoghi delle regioni e delle province autonome, Venezia, Aosta, L'Aquila e Bolzano (+0,6% per tutti e quattro) sono le città in cui i prezzi registrano gli incrementi più elevati rispetto a gennaio 2015. Seguono Bologna (+0,5%), Napoli, Genova e Trento (+0,4% per tutti e tre), Ancona (+0,3%), Torino,  Cagliari, e Catanzaro (+0,2%) e Roma (+0,1%).

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Perugia, bomba rudimentale in una busta davanti filiale Banca Etruria

Banca Etruria, tribunale annulla sanzioni: "Consob sapeva da fine 2013"

La Corte ha cancellato parte delle sanzioni, pari a 2,8 milioni di euro, inflitte lo scorso anno

Sciopero Ryanair 25 luglio 2018

Ryanair, verso un venerdì di scioperi dei piloti in Europa

Tagliati circa 400 dei 2.400 voli europei previsti, per un totale di circa 55 mila passeggeri coinvolti

Presentazione dei risultati raggiunti da Agenzia delle entrate nel 2017.

Fisco, riscossione in vacanza: ad agosto stop a un milione di atti

Al primo posto per numero di atti rimandati a settembre c'è la Lombardia