Martedì 25 Luglio 2017 - 10:15

Industria, Istat: A maggio fatturato +1,5% su mese

Nella media dei tre mesi il fatturato è cresciuto dello 0,9% sul periodo precedente

ISTAT: PRODUZIONE IN CALO, TRANNE L'AUTO

A maggio il fatturato dell'industria è cresciuto dell'1,5% sul mese precedente, mentre gli ordinativi hanno segnato un aumento del 4,3%. Lo rileva l'Istat, segnalando che nella media dei tre mesi il fatturato è cresciuto dello 0,9% sul periodo precedente e gli ordinativi hanno subito una flessione dell'1%. Su base annua, il fatturato totale, corretto per gli effetti del calendario, cresce a maggio del 7,6% (+6,7% sul mercato interno e +9,3% su quello estero), con l'indice grezzo che segna un incremento del 7,5% sul maggio 2016. L'indice grezzo degli ordinativi segna invece un aumento del 13,7%.

L'aumento su base mensile del fatturato a maggio è dovuto a incrementi sia sul mercato interno (+1,6%), sia su quello estero (+1,2%). Anche per gli ordinativi, entrambi i mercati registrano incrementi (+3,9% l'interno e +4,9% l'estero). Per il fatturato l'incremento tendenziale più rilevante si registra nella metallurgia (+14,1%), mentre l'unica diminuzione riguarda le altre industrie manifatturiere (-5,9%). Tornando agli ordinativi, tutti i settori registrano incrementi, particolarmente rilevante per la fabbricazione di mezzi di trasporto (+19,5%).

Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Antitrust, al via al 13mo convegno a Treviso

L'Antitrust: "No a blocco di Fb e Google, ma lotta alle pratiche scorrette"

Il presidente Pitruzzella illustra gli obiettivi dell'Autorità e le nuove battaglie da combattere

Ikea expansion plans

Ikea ritira dal mercato la bicicletta Sladda: è pericolosa

Numerosi gli incidenti causati dalla rottura della cinghia di trasmissione

trattore

Allarme Eurispes: "Lavoro sommerso genera 300 miliardi l'anno, aumentano gli squilibri"

La fotografia di un Paese povero, fragile e dominato dalle disuguaglianze economiche

Federchimica assemblea 2017

Confindustria: "Preoccupati, non è chiaro dove siano risorse per promesse elettorali"

E sull'Europa: "Serve sostegno agli investimenti. No a battaglie inutili su decimali di flessibilità"