Mercoledì 03 Agosto 2016 - 08:45

India, crolla un ponte dopo inondazioni: 22 dispersi

All'origine dell'incidente la crescita del fiume Savitri dopo le piogge

India, crolla ponte dopo inondazioni in Maharastra: 22 dispersi

Almeno 22 persone che viaggiavano su due pullman sono disperse a causa del crollo di un ponte nello Stato indiano del Maharastra, nell'ovest dell'India, a seguito delle inondazioni. Il ponte, risalente all'epoca del controllo britannico precedente all'indipendenza nel 1947, si trova vicino alla località di Mahad, ha dichiarato un portavoce della polizia regionale. Ha precisato che è possibile altre auto si trovassero sul ponte, quindi non è escluso che il numero delle vittime sia maggiore. Le operazioni di soccorso continuano. A fornire il numero di persone presenti sugli autobus è stato il governatore del Maharastra, Devendra Fadnavis, che ha parlato di 18 passeggeri più due conducenti.

All'origine dell'incidente c'è, ha spiegato, "la crescita del fiume Savitri dopo le forti piogge". Nel Paese, le inondazioni nella stagione monsonica sono frequenti, tra giugno e settembre. Il bilancio delle vittime quest'anno in tutta l'India è di circa 230 morti, in maggior parte negli Stati di Bengala, Uttarakhand e Arunachal Pradesh.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

L'aeroporto di Amsterdam circondato dai media e dalla curiosita' della gente dopo l'incidente aereo di ieri

Amsterdam uomo con coltello all'aeroporto. Colpito dalla polizia

La persona agitava l'arma contro le persone. Gli hanno sparato. Zona interdetta

Gerusalemme capitale, ancora proteste in tutto il mondo musulmano

Gerusalemme, 2 palestinesi morti e oltre 100 feriti nelle proteste

La prima "giornata della rabbia". Le vittime sono due uomini. Hamas invita ad assediare le ambasciate Usa nel mondo

Migranti, affondato un barcone al largo delle coste libiche

Migranti, Gentiloni attacca: "Inaccettabile indisponibilità di alcuni Paesi"

Il premier al vertice Ue di Bruxelles: "Le regole non sono optional". Unicef: "400 bambini annegati nel Mediterraneo nel 2017"