Giovedì 15 Dicembre 2016 - 15:15

Inchiesta su nomine Raggi, perquisizioni in Campidoglio

La sindaca: "Collaboreremo al massimo con la procura"

Inchiesta sulle nomine, perquisizioni in Campidoglio. Raggi: Nulla da nascondere

La finanza si è presentata ieri in Campidoglio per acquisire una serie di atti e documenti relativi alle nomine di dirigenti dell'amministrazione della giunta Virginia Raggi. Il blitz effettuato dalla sezione della polizia giudiziaria specializzata nei reati contro la pubblica amministrazione e guidata da Maurizia Quattrone è legato all'inchiesta della procura di Roma che procede contro ignoti per verificare la regolarità di alcune nomine dirigenziali tra le quali quelle di Raffaele Marra, Carla Raineri, Salvatore Romeo, decise dalla sindaca.

"Collaboreremo al massimo per fornire tutte le informazioni necessarie al lavoro della procura". "La procura ha chiesto dei documenti e noi abbiamo messo a disposizione tutto quello che è stato richiesto", ha precisato la sindaca, che ha sottolineato in un tweet: "Nulla da nascondere".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bormio, il comizio di Matteo Salvini

Ius soli, Lega contro Papa: Lo faccia in Vaticano

Il centrodestra, senza entrare nel merito, prende le distanze dalla legge, mentre la Lega è durissima

Paolo Gentiloni al Meeting di Rimini 2017

Terrorismo, Gentiloni: Nessuno salvo, non rinunceremo a libertà

All'indomani delle minacce Isis all'Italia, il premier e il ministro degli Affari Esteri parlano della sicurezza in Italia

Grosseto, capo vigili di Monte argentario spara a figlio e si uccide

Roma, cancello si scardina: bimbo muore a 4 anni

Il cancello si è sganciato dai binari e gli è caduto addosso: per il piccolo non c'è stato nulla da fare

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Ius soli, Gentiloni riapre partita: Conquista di civiltà. Salvini: Follia

"Diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri", dice il premier. Durissima la risposa della destra