Sabato 09 Aprile 2016 - 14:30

Petrolio, procura Roma apre fascicolo per esposto Delrio

"Voglio sapere se davvero pezzi dello Stato tramano contro altri pezzi dello Stato", ha detto il ministro

Inchiesta petrolio, procura Roma apre fascicolo per esposto Delrio

La procura di Roma ha aperto un fascicolo a seguito dell'esposto presentato dal ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio riguardante un suo presunto coinvolgimento nell'inchiesta petrolio. Il fascicolo, al momento, non presenta né ipotesi di reato né indagati. Il ministro si è recato personalmente in procura per presentare l'esposto.

"A questo punto voglio sapere se davvero pezzi dello Stato tramano contro altri pezzi dello Stato. Voglio sapere se davvero un carabiniere ha preparato dei dossier falsi contro un ministro della Repubblica. Ho deciso di presentare su questo un esposto alla procura di Roma. Voglio la verità", aveva detto ieri Delrio, intervistato dal quotidiano 'La Repubblica'.

In una conversazione con Gemelli, l'ex funzionario della Ragioneria di Stato e poi consulente del ministero dello Sviluppo economico, Valter Pastena, aveva fatto riferimento a un dossier, contenente anche materiale fotografico, che riguarderebbe Delrio e un suo presunto rapporto con esponenti della 'Ndrangheta. 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Renzi apre la campagna per il Sì: Cambio l’Italicum, le riforme sono più importanti

Renzi apre la campagna per il Sì: Cambio l’Italicum, le riforme sono più importanti

Dalla sua Firenze il presidente del Consiglio apre a modifiche sulla legge elettorale e si appella al Paese: "Italia vuoi cambiare davvero?"

Salerno, De Luca assolto con altri 41 imputati: Non sono impresentabile

De Luca assolto con altri 41 imputati: Non sono impresentabile

Il governatore campano ed ex sindaco di Salerno, a processo per la vicenda Sea Park, dopo la sentenza attacca Rosy Bindi

Referendum, Renzi: Voti di destra decisivi, inutile girarci intorno

Referendum, Renzi: Voti di destra decisivi, inutile girarci intorno

"La sinistra, ormai, è in larghissima parte con noi"