Giovedì 23 Giugno 2016 - 16:30

Incendio a Legnano: brucia un'industria di plastica dismessa

Il rogo è divampato verso le 13, e i vigili del fuoco sono ancora sul posto con sei squadre

Incendio a Legnano: brucia un'industria di plastica dismessa

E' andata in fiamme la ex Crespi di Legnano (Milano), industria di via Monte Lungo che fino a circa cinque anni fa produceva materiale plastico e tessile. L'incendio è divampato verso le 13, e i vigili del fuoco sono ancora sul posto con sei squadre per le operazioni di spegnimento. In azione anche il 118, e secondo quanto riporta l'Areu, Azienda regionale emergenza urgenza, tre persone sarebbero state portate in ospedale a Castellanza (Varese) per accertamenti. Secondo quanto riferisce la polizia locale di Legnano al momento del rogo nello stabile non c'era nessuno, e nonostante la nuvola di fumo non è stato necessario evacuare alcun edificio del circondario. La polizia di Legnano comunica di aver ricevuto da Arpa e Asl la notizia della "non tossicità" dei fumi diffusi nell'aria.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Formigoni in tribunale

Caso Maugeri, accusa chiede condanna a 7 anni e 6 mesi per Formigoni

In primo grado l'ex governatore lombardo era stato condannato a 6 anni per corruzione

Matteo Salvini in via a Sant’Albino a Monza, da Sergio Bramini

Bramini non si arrende: "Politica ascolti la rabbia, sarò consulente del governo"

L'imprenditore monzese ha dovuto dichiarare fallimento nonostante un credito nei confronti della pubblica amministrazione di diversi milioni di euro. Ma adesso è pronto a lottare e ripartire

Casapound presenta il programma in vista delle elezioni del 4 marzo

Milano, aggressione neofascista: vittime riconoscono candidata di CasaPound

Le due donne picchiate non hanno dubbi: c'era anche Angela De Rosa nel gruppo di aggressori

Padova vs Feralpisalò

Bullismo contro un compagno di scuola: arrestati due sedicenni

E' successo a Zogno (Bergamo). I ragazzi sono stati messi in comunità. Botte e piccoli taglieggiamenti