Lunedì 01 Agosto 2016 - 10:30

In video Isis la minaccia a Putin: Porteremo jihad in Russia

"Verremo e vi uccideremo nelle vostre case", afferma nel filmato un militante

In video Isis la minaccia a Putin: Porteremo jihad in Russia

Lo Stato islamico minaccia il presidente russo Vladimir Putin ed esorta i suoi membri a porta la jihad anche in Russia. In un video di nove minuti pubblicato ieri su YouTube, un uomo a viso coperto mentre guida un'auto nel deserto si rivolge direttamente al leader del Cremlino: "Ascolta Putin, verremo in Russia e vi uccideremo nelle vostre case. Fratelli, portate avanti la jihad, uccideteli e combatteteli". Il filmato mostra quindi uomini armati che attaccano i veicoli e tende russe nel deserto.
Il link del video potrebbe essere stato caricato su un account Telegram usato dai terroristi.

LEGGI ANCHE Isis minaccia Francia in un video: Il vostro silenzio vi uccide

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Continuano gli incendi in California alimentati dai forti venti

Usa, la California brucia ancora: distrutte case e 200mila evacuati. Il vento non si placa

Una donna è morta mercoledì in un incidente d'auto mentre provava a fuggire dalle fiamme nella contea di Ventura

Gerusalemme capitale d'Israele: proteste nel mondo contro il presidente Trump

Gerusalemme, Macron a Netanyahu: "Congela colonie, mossa Trump minaccia pace"

Scontri con morti e feriti per la decisione di Trump di riconoscere la città capitale di Israele. Lacrimogeni contro manifestanti in Libano

Il presidente Trump con la moglie Melania all'accensione del "National Christmas Tree"

L'ex presentatrice FoxNews contro Trump: "Provò a baciarmi"

Juliet Huddy ha raccontato a "Mornin!!! with Bill Schulz" l'episodio, che risale all'anno in cui il tycoon ha sposato Melania

L'esercito dell'Iraq combatte contro l'Isis a Hawija

Iraq, il premier: "Paese totalmente liberato dallo Stato islamico"

Il primo ministro iracheno, Haidar al-Abadi: "Pieno controllo dei confini con la Siria", ultima roccaforte mantenuta dall'Is