Domenica 12 Febbraio 2017 - 21:30

In migliaia a marce contro Trump in tutto il Messico

'Il Messico si rispetta' e 'Uniti siamo invincibili' si leggeva su alcuni cartelli

In migliaia a marce contro Trump in tutto il Messico

Migliaia di persone sono scese in strada in diverse città del Messico per protestare contro il presidente Usa Donald Trump e le sue politiche contro il Messico, in una dimostrazione di unità nazionale. 'Il Messico si rispetta' e 'Uniti siamo invincibili' si leggeva su alcuni cartelli nelle manifestazioni a Città del Messico, con diverse bandiere messicane che sventolavano. Alcuni dimostranti portavano anche cartelli in inglese con messaggi come 'Friends, not borders', cioè 'Amici, non frontiere', in risposta ai piani di Trump di costruire un muro al confine tra Messico e Stati Uniti e farlo pagare al Messico, e rimpatriare in Messico milioni di immigrati che si trovano negli Usa. In alcuni cartelli Trump veniva definito "narcisista e psicopatico", mentre altri lo paragonavano ad Adolf  Hitler. Le marce erano state convocate da oltre 70 organizzazioni della società civil con lo slogan 'Vibra Mexico', adottato anche come hashtag di riferimento. Oltre che a Città del Messico, si è sfilato a Merida, Villahermosa, Guadalajara, Monterrey, Hermosillo, Colima, Leon e Irapuato e Morelia. Tra le ong e istituzioni educative aderenti all'iniziativa c'erano Amnesty international, l'Università autonoma del Messico e il Centro de Investigacion y Docencia Economicas (Cide).

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Usa, Trump all'Iran: "Non minacciateci mai più, fate attenzione"

Il presidente americano su Twitter contro Rouhani che aveva avvertito gli Usa assicurando che un conflitto con Teheran sarebbe "la madre di tutte le guerre"

Paura a Toronto, sparatoria in strada: tre morti e 12 feriti

Un uomo armato, freddato poi dalla polizia, ha aperto il fuoco nel quartiere greco uccidendo una donna. Tra i coinvolti anche un bambino

Russiagate, Trump al contrattacco: "Fbi spiava la mia campagna"

Per il presidente il Bureau teneva sotto controllo un suo consulente per avvantaggiare Hillary Clinton

La Proactiva Open Arms in azione al largo della Libia

Migranti, appello del Papa: "Basta tragedie". Open Arms non denuncia Italia

Per l'ong la guardia costiera libica è colpevole di omissione di soccorso e omicidio colposo in relazione alla morte di due migranti. Tripoli nega: "Solo calunnie"