Martedì 16 Agosto 2016 - 07:00

Imam ucciso a New York: 35enne accusato di omicidio

Ancora incerto il movente dell'agguato

Imam e assistente uccisi a New York: 35enne accusato di omicidio

Un uomo è stato accusato di omicidio di secondo grado per la morte di un imam musulmano di New York e del suo assistente, uccisi a colpi di pistola durante il fine settimana. Lo riferisce un portavoce della polizia.
Le accuse contro Oscar Morel, 35, di Brooklyn, sono state formalizzate poche ore dopo che centinaia di persone in lutto si erano riunite per il funerale dei due uomini, l'imam Maulama Akonjee, 55 anni, e Thara Uddin, 64.

Il 35enne è stato accusato anche di possesso illegale di armi. Il portavoce della polizia non ha rivelato alcun possibile movente per gli omicidi. Non vi è prova, riferiscono gli agenti, che le due vittime siano state prese di mira per la loro fede ma al momento nessuna ipotesi è esclusa.

Le uccisioni, avvenute nel Queens, avevano scioccato la comunità bengalese del quartiere.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

FRA, UEFA EL, Olympique Marseille vs Atletico Madrid

Francia, 32enne originario del Burkina Faso picchiato a morte da adolescenti

L'aggressione nel quartiere Saragosse venerdì sera. Massacrato da una gang di giovani, tra i 12 e 14 anni, che avrebbero usato anche il piede di una sedia di plastica

US-POLITICS-TRUMP-PRISON REFORM

Russiagate, Trump chiede inchiesta su spionaggio durante sua campagna

Il presidente Usa vuole fare chiarezza sulla possibile infiltrazione dell'amministrazione Obama

Lo chef Mario Batali coinvolto in un caso di molestie sessuali a passeggio per New York

Usa, nuove accuse di molestie e violenza contro lo chef Mario Batali

Avrebbe aggredito due ex dipendenti del ristorante newyorkese 'The Spotted Pig' sotto l'effetto di droghe e alcol

Venezuela Elezioni: Nicolas Maduro al voto

Venezuela, rieletto Maduro. Ma l'opposizione grida ai brogli

Il presidente riconfermato fino al 2025. Gli avversari denunciano pressioni sugli elettori e chiedono una nuova consultazione