Venerdì 02 Giugno 2017 - 16:30

Ilva, non ci sarà un rilancio delle offerte economiche

Lo precisa in una nota il ministero dello Sviluppo economico

Ilva, non è previsto né consentito rilancio offerte economiche

Il procedimento per il trasferimento dei complessi industriali di Ilva, come anche confermato dall'Avvocatura dello Stato, non prevede e non consente una fase di rilancio delle sole offerte economiche presentate. Lo precisa in una nota il ministero dello Sviluppo economico, sottolineando che una determinazione in tal senso sarebbe pertanto illegittima.

Una eventuale fase di rilancio presupporrebbe una determinazione  ministeriale con l'indicazione di dare corso ad una nuova fase competitiva estesa a tutte le componenti delle offerte stesse, con la presentazione quindi non solo di una nuova offerta economica ma anche di  nuovi piani industriali e piani ambientali. Una simile prospettiva, chiarisce ancora il Mise, risulta oggi incompatibile con i tempi imposti dalla vigente legislazione per l'attuazione del piano ambientale con la contestuale prosecuzione dell'attività produttiva di Ilva e richiederebbe pertanto un nuovo intervento normativo.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Fca, Great Wall Motor conferma interesse per il brand Jeep

Fca, Great Wall Motor conferma interesse per il brand Jeep

Il titolo è in netto rialzo a Piazza Affari dopo la notizia

Geely Automobile smentisce al momento piani di acquisizione Fca

Geely Automobile smentisce al momento piani di acquisizione Fca

La testata Automotive News aveva parlato dell'interesse di diversi produttori cinesi per Fiat Chrysler Automobiles

Istat, nel secondo trimestre il Pil cresce dello 0,4%: +1,5% annuo

Istat, nel secondo trimestre il Pil cresce dello 0,4%: +1,5% su anno

Era dal secondo trimestre del 2011 che il Pil non segnava una crescita così significativa. Genitloni: "Meglio delle pevisioni"

In Uk restano banconote con grasso, alternativa è olio di palma

In Uk restano banconote con grasso, alternativa è olio di palma

Anche dopo le proteste di animalisti e vegani, la Bank of England ha deciso che non modificherà la composizione del polimero 'incriminato'