Martedì 26 Luglio 2016 - 18:15

Ilva, governo pone la questione di fiducia sul decreto

Il provvedimento scade l'8 agosto. Domani le dichiarazioni di voto

Ilva, governo pone la questione di fiducia sul decreto

Il governo ha posto la questione di fiducia sul decreto legge Ilva, senza modifiche rispetto al testo della Camera. A chiederla il ministro dell'Ambiente, Gianluca Galletti, immediatamente dopo il voto sulle pregiudiziali presentati dalle opposizioni, senza aspettare la discussione generale contrariamente a quanto accade normalmente. Il provvedimento scade l'8 agosto.

La discussione generale sulla fiducia si terrà questa sera, mentre le dichiarazioni divoto e voto ci saranno a partire da domani alle 9.30. Stando a quanto stabilito dalla conferenza dei capigruppo di palazzo Madama, la prima chiama per votare la fiducia dovrebbe quindi iniziare intorno alle 11. A seguire l'assemblea esaminerà la legge delega europea e il provvedimento contro il caporalato.

LEGGI ANCHE Da ArcelorMittal Marcegaglia e AcciaItalia due offerte per l'Ilva

Tra i provvedimenti previsti dal decreto c'è il passaggio dell'azienda all’amministrazione straordinaria, in sostanza un fallimento controllato con alcune deroghe che tutelano le pmi dell’indotto e dell’autotrasporto.

Una delle norme prevede inoltre un prelievo temporaneo di 400 milioni di euro sui fondi gestiti dalla Cassa per i servizi energetici e ambientali (Csea)  per rafforzare il sostegno statale al Piano di tutela ambientale e sanitaria dell'Ilva. La stessa norma prevede che questo prestito sarà regolarmente rimborsato, in un termine posticipato al 2018, ovvero successivamente, per tener conto dei tempi della procedura.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Melendugno, protesta anti-Tap

Gasdotto Tap, inammissibile l'emendamento per arrestare chi entra nei cantieri

Lo stop in commissione Bilancio. Il M5S: "Era l'ennesimo abuso della politica che calpesta le comunità per favorire le lobby"

Vittorio Emanuele III, l'arrivo delle spoglie al santuario di Vicoforte

Vittorio Emanuele III, storia di un re indeciso e pavido: dal fascismo alle leggi razziali

Regnò sul nostro Paese per 40 anni. All'inizio fu liberale e aperto. Ma nel 1922 aprì le porte a Mussolini e, poi alla dittatura e alle sue nefandezze. Le sue spoglie a Vicoforte per motivi umanitari

Assemblea Dems

Centrosinistra, Orlando richiama a unità, ma critica nome Grasso in Leu

Il candidato premier di Liberi e Uguali a distanza promette un "programma di cambiamento"

Ginocchiata all'arbitro: il Millennial scelto da Renzi lascia la direzione Pd

Gianluca Vichi si scusa ma critica la stampa: "Accanimento eccessivo nei miei confronti"