Venerdì 13 Ottobre 2017 - 12:15

Ilaria Cucchi: "Ora la verità dopo otto anni di depistaggi"

Oggi è iniziato il processo bis per la morte del giovane geometra

Conferenza stampa sul nuovo processo per la morte di Stefano Cucchi

"Sono passati otto anni e ci ritroviamo nello stesso posto del primo processo, ma come è diversa la verità di oggi rispetto a quella dell'epoca sia sulle persone coinvolte sia sulle cause che hanno portato alla morte di mio fratello". Così Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, nel giorno in cui è iniziato il processo bis per la morte del giovane geometra. "Ora aspettiamo che inizi il processo vero, aspettiamo quel momento e il suo traguardo - prosegue -  sul banco degli imputati ci sono quelle persone che sono i principali responsabili di questi anni persi con depistaggi, e siamo fiduciosi che arrivi finalmente il momento della verità".

"Speriamo che non si perda altro tempo  - aggiunge il legale Fabio Anselmo - sono già passati sette anni in un processo sbagliato, speriamo che cominci il prima possibile. Ora non dobbiamo fare più questioni di principio perché è il momento che si arrivi alla giustizia".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Palermo, nuovo sbarco di migranti al porto: 241 sono bambini

"In Europa e Italia donne e bambini a rischio sfruttamento"

Il rapporto di Save the Children. Nel nostro paese nel 2016 le vittime sono state 1.172

Milano, 7mila euro per falsi permessi di soggiorno: in carcere 're delle trans'

Milano, 7mila euro per falsi permessi di soggiorno: in carcere 're delle trans'

Secondo gli investigatori, Biagio Lomolino era a capo di un giro di prostituzione dei trans sudamericane nel capoluogo lombardo

Processo Talluto, la pm chiede l'ergastolo per 'l'untore dell'hiv'

Il 32enne sieropositivo è accusato di epidemia dolosa e lesioni gravissime, per aver contagiato negli anni decine di partner con rapporti non protetti

Gasolio rubato in Libia e rivenduto in Italia ed Europa: sei arresti a Catania VIDEO

La merce veniva sottratta dalla raffineria di Zawyia, trasportata via mare in Sicilia e successivamente immessa nel mercato