Mercoledì 05 Ottobre 2016 - 10:45

Ilaria Cucchi a polizia: Scusate se moriamo nelle vostre mani

"Mettetevi una mano sulla coscienza, l'unica persona a cui bisogna chiedere scusa è Stefano"

Ilaria Cucchi a sindacati polizia: Scusate se moriamo nelle vostre mani

Dopo la diffusione dei risultati della perizia secondo cui Stefano Cucchi sarebbe morto per epilessia, la sorella Ilaria si sfoga su Facebook, rivolgendosi ai sindacati di polizia. "Se prima lo avevo solo intuito adesso so quanto sia diverso e più difficile trovarsi ad affrontare processi contro i carabinieri piuttosto che contro chiunque altro. Oggi nonostante sia stato riconosciuto il violentissimo pestaggio, le gravi lesioni subite da Stefano e le multiple fratture alla colonna vertebrale, i sindacati di polizia intervengono per l'ennesima volta su terreni che non competono loro e ci dicono di chiedere scusa. E allora chiediamo tutti scusa. Scusate se siamo morti nelle vostre mani. E perdonateci se abbiamo l'ardire di chiedere verità e giustizia", scrive Ilaria Cucchi.

"Aspetto di vedervi al processo - aggiunge - per spiegare tutto ciò che vi siete detti con telefoni che non credevate potessero essere intercettati. Ai rappresentanti sindacali consiglio di leggere prima di parlare, per non fare brutte figure. Anche perché comunque mi dispiace per le divise che indossano e che in questa sede vorrebbero rappresentare".

"Da tanti anni in cerca di verità, ma la sappiamo tutti da un pezzo. Da tanti anni mi batto per fare in modo che quella verità dia riconosciuta nelle aule di giustizia. Ieri ho ricevuto questa perizia. La stavo leggendo, 205 pagine, ero a metà lettura quando già uscivano le agenzie stampa su Stefano morto per epilessia. La perizia dice altro. Nelle conclusioni si dice quello che noi sosteniamo da anni", dice inoltre ai microfoni di SkyTg24.

Nella perizia, sottolinea, "si riconosce la rilevanza delle lesioni riportate. E se anche fosse morto per epilessia, secondo gli stessi periti, sarebbe conseguenza delle lesioni". Perciò, conclude, "alla luce anche di questa perizia sono serena e sono straconvinta che finalmente andremo a processo per omicidio preterintenzionale".

Ilaria a breve incontrerà i rappresentanti dei sindacati, ma intanto risponde a chi la invitava a chiedere scusa. "Magari bisognerebbe fermarsi un attimo, riflettere, mettersi una mano sulla coscienza e capire che l'unica persona a cui bisogna chiedere scusa è Stefano".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Brescia, Processo d'appello per Massimo Bossetti

Caso Yara, test dna che inchioda Bossetti valido, analisi irripetibile

Le motivazioni della sentenza con cui i giudici hanno condannato all'ergastolo il muratore di Mapello

Milano, in Centrale camper della Polizia di Stato contro la violenza sulle donne

#QuellaVoltaChe, su Twitter le donne raccontano le molestie subite

L'hashtag è stato lanciato dalla scrittrice Giulia Blasi e sta riunendo i racconti di centinaia di italiane

Corto Maltese - Frankfurt Buchmesse 2015

L'Antitrust assolve Corto Maltese dopo l'esposto del Codacons sul fumo

"La sigaretta risulta elemento caratterizzante il personaggio e costituisce espressione della non sindacabile libertà di manifestazione artistica"

Il fidanzato incontra altre donne e lei lo accoltella: arrestata

Il fidanzato incontra altre donne e lei lo accoltella: arrestata

E' successo ad Arezzo, l'uomo non è in gravi condizioni