Venerdì 28 Ottobre 2016 - 13:15

Il sogno di Cannavaro: Vorrei allenare il Real Madrid o la Nazionale

E sulle critiche a Buffon dice: "Se sei grande, ti massacrano sempre"

Il sogno di Cannavaro: Vorrei allenare il Real Madrid o la Nazionale

"Vorrei allenare una grande squadra, ma prima devo prepararmi per essere pronto. Il mio sogno è quello di allenare il Real Madrid o la mia nazionale. Se non hai questi obiettivi, è meglio non allenare". Queste le aspirazioni di Fabio Cannavaro, ex capitano della Nazionale e difensore del Real Madrid, rivelate nel corso di una intervista a Marca.

Da ex Pallone d'Oro, l'ex centrale di Napoli e Juve è convinto che quest'anno "se lo merita senza dubbio Cristiano Ronaldo. Ha vinto il campionato europeo, la Champions... Ancelotti diceva sempre che che quando hai Cristiano parti già sull' 1-0". Infine Cannavaro è tornato dopo le critiche a Buffon, suo ex compagno di Nazionale e nella Juve, per l'errore in Nazionale contro la Spagna: "Se sei grande, ti massacrano sempre. Mi preoccupo quando non lo fanno...".

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

GER, FC Bayern Muenchen vs SG Sonnenhof Grossaspach

Calciomercato, Inter-Barça accordo per Rafinha. Chelsea su Dzeko e Emerson

Il Napoli continua a pensare a Matteo Politano del Sassuolo. Tra gli allenatori Prandelli ha chiuso l'esperienza negli Emirati Arabi

Barcellona vs Deportivo La Coruna - Liga 2016/2017

Calciomercato, Inter insiste per Rafinha. Walcott all'Everton

Dopo l'arrivo di Lisandro Lopez Suning, il direttore sportivo vuole regalare un altro rinforzo a Luciano Spalletti

Champions League - SSC Napoli vs Feyenoord

Calciomercato, Napoli: Deulofeu scende, Politano sale. Maksimovic la chiave

Dopo il rifiuto di Verdi non resta che virare su altri obiettivi

Morte Ciro Esposito: 'Ciao eroe', striscione davanti autolavaggio dove lavorava

Calciatori nel mirino dei violenti. E il razzismo è l'arma prevalente

Uno studio dell'Osservatorio dell'Aic. Spesso sono gli stessi sostenitori della squadra a minacciare. Intimidazioni in lieve calo. Tommasi: "Restiamo in guardia"