Venerdì 11 Marzo 2016 - 20:30

Il sito di Nencini hackerato da Anonymous

Il sito attaccato da Anonplus, il servizio di social networking di Anonymous

Il segretario del Psi e vice ministro Riccardo Nencini

Il sito di Riccardo Nencini, segretario del Psi e vice ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, è stato hackerato, probabilmente durante la scorsa notte, da Anonplus - Anonymous, il servizio di social networking che Anonymous ha creato dopo essere stato bannato da Google plus. Digitando l'indirizzo, poi oscurato, www.riccardonencini.it, appariva una schermata nera con il logo di AnonPlus e sotto il manifesto, in cinque punti, con scritto, tra le altre cose: "Noi siamo AnonPlus-Anonymous e questo è il nostro manifesto. Ogni persona che vuole difendere la propria libertà di informazione, la libertà del popolo e l'emancipazione di quest'ultimo dalla schiavitù dei media e di chi ci governa, di chi ci usa come strumento per attuare i suoi sporchi fini, fa già parte di Anonymous. Ogni persona che ha volontà di agire è benvenuta. Noi siamo in guerra".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

M5S, Raggi riancia: Non mollo. Presto il nuovo assessore al Bilancio, si deciderà a Roma

M5S, Raggi rilancia: Non mollo. Presto l'assessore al Bilancio, si deciderà a Roma

La kermesse 5 Stelle a Palermo si è chiusa con la riaffermazione della leadership di Grillo e dell'indipendenza della sindaca

Viriginia Raggia sul palco della festa nazionale del Movimeto 5 Stelle a Palermo

M5S, Grillo di nuovo leader. Raggi a Palermo: Non mollo, siamo più uniti che mai

Attivisti insultano i giornalisti presenti al raduno. Assange loda il comico: "Con lui sbaragliate stampa corrotta"

Grillo chiude la prima giornata della festa nazionale del Movimeto 5 Stelle a Palermo

Assange loda Grillo: Con lui sbaragliate la stampa corrotta

Il giornalista sostiene il comico in collegamento con il raduno M5s a Palermo

Festa nazionale del Movimeto 5 Stelle a Palermo, secondo giorno

Raggi nei gazebo: assalto di attivisti e insulti alla stampa

La folla attacca i cronisti: "Venduti, servi della gleba"