Mercoledì 14 Giugno 2017 - 19:45

Il senatore Razzi nel nuovo video di Il Pagante: Anche lui è 'Too Much'

A fargli compagnia c'è anche il presidente americano Donald Trump, protagonista del ritornello

Razzi nel nuovo video di Il Pagante: Anche lui è 'Too Much'

È finalmente online il video di 'Too Much', il nuovo singolo di Il Pagante. Il gruppo di milanesi, amatissimo dai più giovani, questa volta fa le cose in grande e arriva addirittura a toccare il mondo della politica: sia nel testo del brano, sia nel videoclip. Special guest di quello che si preannuncia essere uno dei tormentoni di questa estate, il senatore Antonio Razzi. Entrato di prepotenza nelle case degli italiani soprattutto grazie all'esilarante imitazione di Maurizio Crozza, questa volta Razzi si è prestato in maniera autoironica per un cameo nel nuovo lavoro di Il Pagante. Il gruppo racconta a LaPresse come è nata l'idea: "È stata una cosa improvvisata. Guardando il panorama dei video italiani, ci siamo accorti che tutti ambivano a emulare il nostro inserimento di ospiti nei video. La prima idea che abbiamo avuto era di fare uno 'sfottò', poi ci è venuto in mente di provare a contattare il senatore... che in fondo è abbastanza 'too much'". Il Pagante ha un target molto giovane, difficile immaginare che Razzi lo conoscesse... "Infatti non ci conosceva, ma una volta visto il progetto ha capito subito e gli è piaciuta l'idea di prendersi un po' in giro".

E così Razzi è stato subito inserito fra i 'too much' dell'anno. Non è solo, però, a fargli compagnia c'è addirittura il presidente americano Donald Trump, protagonista del ritornello: "Sotto un certo punto di vista questo è un brano diverso dagli altri, volevamo aprirci anche a un target diverso. E Trump è sicuramente il personaggio più discusso nell'anno, fa parlare di sè, ci piaceva inserirlo nella canzone e nell'elenco degli eventi 'too much'". Ma, abbassando il profilo, tra il 'troppo' esagerato, ridicolo, addirittura grottesco, compaiono anche l'abitudine di modificare le foto, i seni rifatti, la mania dello smartphone e, non potevano mancare, la proposta di matrimonio di Fedez e i piedi della Ferragni.

Intanto Il Pagante macina successi e allarga il suo target, che dal mercato di 'nicchia' dei giovanissimi ora sta passando a qualcosa di diverso: "Ci stiamo muovendo con una strategia precisa su un percorso discografico e questo ci aiuta a dare credibilità al progetto. Stiamo ottenendo dei risultati". E in effetti, guardando il successo dei due singoli di platino 'Bomber' e 'Vamonos', rispettivamente con oltre 10 milioni e 7 milioni di views per i video, sembra che la scalata di Il Pagante stia andando a gonfie vele. In attesa di un nuovo album e dei tanti live che faranno ballare gli italiani per tutta l'estate.

Scritto da 
  • Chiara Troiano
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Usa, 40° anniversario dalla morte di Elvis Presley a Memphis

Quarant'anni senza il Re del Rock: l'omaggio dei fan davanti alla casa di Memphis di Elvis

Una veglia in Tennessee in memoria del cantante che ha cambiato la storia della musica

Taylor Swift, her mother Andrea and attorney Jesse Schaudies react to the verdict being read in Denver Federal Court where the Taylor Swift groping trial goes on in Denver

Taylor Swift vince in tribunale contro dj che le palpò fondoschiena

Risarcimento simbolico di un dollaro per la cantante statunitense: "Deve servire da esempio per le altre donne che potrebbero essere riluttanti a denunciare"

Festival Federico Cesi, il suono dei borghi umbri diventa un concerto

L'Umbria raccontata dalla musica classica per un mese intero

Taylor Swift e le molestie sessuali: prima vittoria in aula contro il dj David Mueller

Taylor Swift e le molestie sessuali: prima vittoria contro il dj

I giudici hanno respinto la denuncia del disc jockey, che aveva accusato la cantante di averlo fatto licenziare senza giusta causa