Mercoledì 15 Marzo 2017 - 20:30

Senato rinnova la fiducia a Lotti: bocciata la mozione del M5S

Il ministro si era difeso: Affronto una strumentalizzazione a viso aperto, no a una gogna mediatica

Il Senato rinnova la fiducia al ministro Lotti: bocciata la mozione del M5S con 161 no

 L'aula del Senato ha respinto la mozione di sfiducia a firma del Movimento 5 Stelle contro il ministro dello Sport Luca Lotti. Hanno votato a favore in 52, contrari 161 e 2 astenuti. La maggioranza era fissata a 108.  

"La mozione di sfiducia mette in discussione quanto di più prezioso possegga: la mia moralità prima del mio ruolo politico. Respingo quindi  con determinazione questo tentativo, sul piano dei fatti".  Così il ministro aveva replicato in aula. "Accetto la vergognosa strumentalizzazione di queste ore a testa alta e viso aperto. A chi sputa sentenze dico: vi aspettiamo in tribunale. Spero che chi abbia insultato il buon nome della mia famiglia abbia il coraggio di rinunciare all'immunità parlamentare. Con molta umiltà ma anche con la piena consapevolezza di chi crede nella politica come forma più alta di servizio civile, mi rivolgo a voi, signori del Senato, per respingere con determinazione questo tentativo. Lo faccio molto brevemente, sia sul piano dei fatti che sul piano politico" aveva precisato Lotti.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Matteo Renzi ospite a Porta a Porta

Pd, Renzi 'indisponibile' a confronto con Di Maio. Gentiloni e Zingaretti attesi a Ravenna

La festa dell'Unità si terrà in Emilia dal 24 agosto al 10 settembre. È già polemica sull'invito al vicepremier pentastellato

Governo, festa M5s. Grillo suona la campanella

Beppe Grillo compie 70 anni. M5S lo omaggia: "Paziente 0 che ha diffuso virus"

Il fondatore del blog scherza su Twitter: "Vi aspetto su Marte per il Movimento 6 Stelle! Siamo oltre!"

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio

Al via il terzo giro di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo

Pd, Grasso condannato a pagare oltre 83mila euro: "Pronto a ricorso"

Si tratterebbe della somma delle quote mensili di 1.500 euro che ogni eletto si impegna a versare al partito