Mercoledì 12 Ottobre 2016 - 11:15

Studenti italiani 'schedati' in Gb, il Foreign Office si scusa

La risposta dell’'Ambasciata: "“Siamo uniti dal 17 marzo 1861"”

Studenti italiani 'schedati' in Gb, il Foreign Office si scusa

Un questionario parso una schedatura su base etnica, che ha causato un putiferio diplomatico. E' successo in Gran Bretagna dove, a inizio anno scolastico, è stato inviato un modulo alle famiglie dei nuovi alunni per stabilire la provenienza etnica dei figli di immigrati e per poter fornire, in teoria, ai bambini, ed eventualmente ai genitori, la necessaria assistenza linguistica nell’apprendimento dell’inglese. Nel questionario compaiono quattro sigle: 'Ita', ovvero italiano, 'Itaa', ovvero altri italiani ('Any other'), 'Itan' per dire 'Italian Napoletan' e 'Itas' che sta per 'Italian Sicilian' . Come dire: esistono diversi tipi di cittadini italiani, distenguendo tra l'altro dall'italiano 'doc' quello napoletano e siciliano. La scelta ha innescato lo sdegno di diversi connazionali e alcuni si sono rivolti all'Ambasciata per protestare. 

La risposta dell’'Ambasciata italiana a Londra è stata ironica: "“Siamo uniti dal 17 marzo 1861"”. Si tratta di un nuovo episodio che fa discutere Oltremanica in un momento delicato per la Gran Bretagna, alle prese con la Brexit e con il governo di Londra che conferma prestiti e borse di studio anche il prossimo anno per gli studenti comunitari.

LE SCUSE. Il Foreign Office si scusa per i moduli scolastici britannici nei quali si distingue i napoletani e i siciliani da italiani provenienti dalle altre regioni. Lo conferma l'ambasciata italiana a Londra. L'ambasciatore Pasquale Terracciano ha ricevuto una telefonata che preannuncia una messaggio formale di scuse e la variazione dei moduli. Nei giorni scorsi, infatti, Terracciano aveva protestato dopo diverse segnalazioni ricevute di alcuni genitori che per iscrivere i propri figli a scuola dovevano specificare l'etnia in base a quattro sigle: 'Ita' ovvero italiano, 'Itaa' per indicare 'altri italiani', 'Itan' intendendo Italian Neapoletan e 'Itas' ovvero Italian Sicilian.

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Brexit, May: Rispetteremo la decisione del popolo britannico

Brexit, May: Rispetteremo la decisione del popolo britannico

L'annuncio della portavoce della prima ministra

Referendum, Dijsselbloem: Non cambiano i problemi dell'Italia

Referendum, Dijsselbloem: Non cambiano i problemi dell'Italia

"Che siano affrontati rimane la nostra preoccupazione" dice il presidente dell'Eurogruppo

Referendum su media esteri: Renzi bocciato, per tedeschi esito tragico

Referendum su media esteri: Renzi bocciato, per tedeschi esito tragico

Come viene raccontata la notizia dalla Francia al Regno Unito, dalla Germania agli Stati Uniti

Pierre Moscovici

Referendum, Moscovici (Ue): Toccati da esito, ma l'Italia è solida.

Il ministro tedesco Schaeuble: "Non bisogna parlare di crisi euro, Italia continui su strada di Renzi"